rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Pochi giorni per definire la delegazione veronese che andrà in Cina

Dopo la firma del gemellaggio con Hangzhou, Verona è stata invitata al congresso internazionale delle città gemellate, un'opportunità nella quale il sindaco Federico Sboarina ha voluto coinvolgere il mondo economico

Il sindaco di Verona Federico Sboarina ha dato ancora qualche giorno di tempo alle categorie economiche cittadine per decidere la composizione della delegazione e definire progetti e materiale promozionale da portare in Cina il prossimo settembre. Dopo la firma del gemellaggio con la città cinese di Hangzhou, infatti, Verona è stata invitata al congresso internazionale delle città gemellate, un'opportunità nella quale il sindaco ha voluto coinvolgere il mondo economico.
Questa mattina, 26 giugno, si è tenuta in municipio una riunione operativa a cui hanno partecipato l'assessore alle relazioni internazionali Francesca Toffali, Nicola Baldo per la Camera di Commercio, Jacopo Galbero per Veronafiere e Giulio Cavara per Confcommercio. Tra dieci giorni si terrà un nuovo incontro, durante il quale verrà definito tutto ciò che può rappresentare al meglio la città di Verona.

Da parte dei nostri interlocutori cinesi c’è molto fermento in vista di questo appuntamento internazionale - ha spiegato Sboarina - I rappresentanti della municipalità di Hangzhou hanno dimostrato di credere davvero tanto al gemellaggio con la nostra città, proprio perché voluto dal presidente Xi Jinping in persona, tanto che hanno contattato anche il coordinatore nazionale del Forum culturale Italia-Cina Francesco Rutelli per avere conferma della nostra partecipazione a settembre. Ecco perché voglio sfruttare al massimo questa occasione, portando l'intera città di Verona. Per questo è fondamentale la delegazione, dobbiamo mettere sul tavolo le carte migliori. L'obiettivo è di avviare rapporti commerciali, turistici e culturali di cui beneficerà tutto il territorio. Iniziamo da Hangzhou, ma arriveranno anche altre occasioni importanti. Da quando abbiamo siglato il gemellaggio, infatti, tutte le settimane arrivano richieste da città e delegazioni del mondo interessate a stringere rapporti con Verona.

«Abbiamo colto al volo questa opportunità - ha detto l'assessore Toffali - Non è consueto infatti che una realtà importante come quella di Hangzhou sigli gemellaggi con un singolo Comune. È stato premiato tutto il "sistema Verona" e ora stiamo lavorando per farlo conoscere nel migliore dei modi. Ecco perché nel giro di qualche settimana definiremo non solo le persone che rappresenteranno la nostra città in Cina, ma anche la strategia migliore per promuovere tutte le eccellenze del nostro territorio. Ad Hangzhou, infatti, saranno presenti operatori commerciali, turistici e istituzionali, un'opportunità imperdibile per far conoscere le nostre realtà e dare impulso a nuove collaborazioni».

L'appuntamento cinese, dedicato in particolar modo all'economia digitale e alle smart city, sarà una vera e propria piattaforma per gli operatori commerciali ed economici e per i rappresentanti delle istituzioni coinvolte al fine di favorire il dialogo e la cooperazione. Nel corso delle tre giornate, infatti, si terranno seminari e conferenze, ma anche il tour della città, la visita all'expo center di Hangzhou e ad alcune delle più importanti aziende del capoluogo. E in occasione della conferenza internazionale, si riunirà anche l'Unione delle città e dei governi dell'area Asia-Pacifico per redigere il piano di lavoro dei prossimi anni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pochi giorni per definire la delegazione veronese che andrà in Cina

VeronaSera è in caricamento