Domenica, 21 Luglio 2024
Attualità Centro storico / Piazza Bra

C'è un problema nei dati sull'incidenza di positività pubblicati sul sito del ministero della Salute

Nella solita sezione cui rinvia l'homepage del sito del ministero della Salute è stato caricato un documento "sbagliato"

La pagina web cui si viene indirizzati dalla homepage e che solitamente riporta i dati ufficiali pubblicati dal ministero della Salute ad ogni monitoraggio settimanale, ormai dallo scorso venerdì presenta un "errore" in relazione al numero dei casi positivi ogni 100 mila abitanti. In realtà, l'errore non sta tanto nei singoli dati, ma nell'intero documento che è stato reso pubblico. Quest'ultimo, infatti, non è quello riferito all'ultimo monitoraggio settimanale, bensì è lo stesso già pubblicato due settimane fa.

Per farla breve, nella sezione del sito "Monitoraggio settimanale Covid-19, report 3 - 9 maggio 2021" in realtà se si clicca sul link apposito "dati incidenza" si viene rimandati ad un documento che è quello relativo al "Monitoraggio settimanale Covid-19, report 26 aprile - 2 maggio 2021", vale a dire quello reso pubblico e consultabile sul sito del ministero della Salute già lo scorso venerdì 7 maggio. Insomma, si tratta di una "svista" innocua che però ha creato qualche confusione, essendo che invece nella presentazione in conferenza stampa da parte del presidente dell'Iss, prof. Silvio Brusaferro, i dati dell'incidenza settimanale riferiti erano stati quelli corretti, o meglio, quelli "aggiornati". 

Il parametro in oggetto è in questa fase particolarmente importante, poiché come noto quelle Regioni italiane che scenderanno sotto la soglia dei 50 casi settimanali ogni 100 mila abitanti per tre settimane consecutive, potranno ambire all'ingresso in zona bianca. Così almeno è ad oggi previsto dalle norme che, inoltre, stabiliscono la necessità di un indice Rt con costanza inferiore al valore 1 ed un livello complessivo di rischio "basso". In realtà, proprio oggi la cabina di regia politica che vedrà riuniti i principali esponenti del governo potrebbe anche rimodulare per l'appunto i parametri di classificazione delle Regioni e conseguente attribuzione di ciascuna nelle varie zone colorate.

Torniamo ora ai dati del monitoraggio settimanale di venerdì 14 maggio. I numeri dell'incidenza di positività "aggiornati", il ministero della Salute li ha ugualmente pubblicati come sempre sul proprio sito, ma per la "svista" di cui si è detto sopra, solamente in un'altra sezione rispetto a quella solita dedicata al monitoraggio settimanale cui rinvia la homepage. Per consultare dunque i dati corretti, ad oggi lunedì 17 maggio, è necessario quindi accedere alla sezione "Archivio monitoraggi" e, a quel punto, dopo aver selezionato l'ultimo monitoraggio, cliccando su "dati incidenza" questa volta si verrà indirizzati al documento aggiornato che riporta la "data di analisi" del 13 maggio (e non più quella del 6 maggio). 

Brevemente, dunque, in Italia l'incidenza a 7 giorni ogni 100 mila abitanti espressa nell'ultimo monitoraggio, è calata da 123 a 93 casi, così come per la Regione Veneto si è passati dai 97 casi indicati nel monitoraggio di venerdì 7 maggio ai 68 casi del monitoraggio di venerdì 14 maggio. La speranza, ovviamente, è che per il Veneto dal monitoraggio in arrivo venerdì 21 maggio, giorno peraltro del Santo patrono San Zeno, il dato dell'incidenza di positività sia ulteriormente calato fino a giungere al di sotto della soglia dei 50 casi settimanali, così da consentire l'inizio delle tre settimane dopo le quali potrebbe divenire possibile l'ingresso in zona bianca.

Scarica i dati incidenza Monitoraggio 59 - 14 maggio 2021

AGGIORNAMENTO: il ministero della Salute nel pomeriggio di lunedì 17 maggio è intervenuto modificando e correggendo il documento sul proprio sito web. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è un problema nei dati sull'incidenza di positività pubblicati sul sito del ministero della Salute
VeronaSera è in caricamento