Mercoledì, 23 Giugno 2021
Attualità

Porto di Trieste, il veronese D'Agostino incompatibile come presidente

Lo ha deciso l'Autorità anticorruzione. Zeno D'Agostino è infatti presidente anche Trieste Terminal Passeggeri, attività che detiene la proprietà al 40% dell'Autorità Portuale

Zeno D'Agostino (Foto TriestePrima)

Problemi a Trieste a causa di un veronese. Come riportato da TriestePrima, l'Anac (Autorità nazionale anti-corruzione) ha giudicato incompatibile la nomina di Zeno D'Agostino a presidente del Porto di Trieste; nomina avvenuta nel 2016. Nell'anno precedente, infatti, D'Agostino era stato nominato presidente della società che gestisce l'attività turistica e crocieristica del capoluogo friulano, la Trieste Terminal Passeggeri, attività che detiene la proprietà al 40% dell'Autorità Portuale. Per Anac, le due cariche non sono compatibili e per questo tutti gli atti firmati da D'Agostino come presidente del Porto hanno valore nullo. Già pronto, comunque, il ricorso al Tar per contestare la decisione dell'Autorità anticorruzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto di Trieste, il veronese D'Agostino incompatibile come presidente

VeronaSera è in caricamento