rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Cuori Connessi della Polizia contro il cyberbullismo. Gran Guardia illuminata di blu

Iniziative organizzate per il Safer Internet Day e per la Giornata nazionale contro bullismo e cyberbullismo

Tutto è pronto per la diretta streaming di Cuori Connessi, in programma questa mattina, 8 febbraio, dalle 10 sul canale Youtube della Polizia di Stato e sul sito cuoriconnessi.it.
Polizia di Stato e Unieuro sono di nuovo insieme in un grande progetto che ha l'intento di sensibilizzare e informare i giovani, gli insegnanti e i genitori su un utilizzo più consapevole e corretto della tecnologia per contrastare ogni forma di distorsione della rete. Per il secondo anno consecutivo parteciperanno alla diretta più di 4.000 scuole di tutta Italia e oltre 200.000 studenti per un incontro dedicato alle scuole secondarie.
All’evento parteciperanno il capo della Polizia Lamberto Giannini, Jacopo Greco del Ministero dell'istruzione e Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro. Ospite di eccezione lo psichiatra Paolo Crepet. L'evento sarà condotto dal giornalista Luca Pagliari, anche autore del nuovo libro "#Cuoriconnessi - Il coraggio di alzare lo sguardo".
«Il momento storico che abbiamo vissuto ha sottratto ai giovani una parte significativa della loro socialità, sostituita dall'uso a volte compulsivo della rete che non sempre è un luogo sicuro - ha detto il capo della Polizia Giannini - In questo contesto, mettere al centro la sicurezza digitale dei ragazzi per noi è un impegno: per renderli consapevoli e indicare loro i rischi che uno spazio così importante di libertà può comportare. #Cuoriconnessi è un ulteriore strumento di informazione con cui possiamo continuare a diffondere messaggi di cautela verso le potenziali trappole della rete ed essere sempre di più un punto di riferimento per le vittime di questo fenomeno».
«Le storie di #Cuoriconnessi riescono a trasmettere messaggi che altrimenti resterebbero inascoltati, perché abbiamo sperimentato che i ragazzi si aprono alla verità solo se arriva da storie raccontate da chi le ha vissute in prima persona - ha aggiunto Nicosanti di Unieuro - Le testimonianze a volte drammatiche dei ragazzi raccolte in questi anni e tutti coloro che hanno visto nella nostra attività uno spunto di riflessione per avviare un percorso diverso, bastano a giustificare il nostro impegno, perché tutti possono e devono avere l’opportunità di trovare una via d’uscita. Le relazioni sono la cosa più importante: per questo la "tecnologia buona" è quella che permette di ampliare gli orizzonti ed abbattere le barriere, perché rappresenta il progresso che conta. La "tecnologia buona" è conoscenza e consapevolezza e ci deve permettere di diventare persone migliori».
Durante l’evento, dopo il successo dei primi due libri di #Cuoriconnessi, sarà presentato il terzo volume, una nuova raccolta di storie che seppur diverse per dinamiche, culture e territori, sono unite da un comune denominatore: il rapporto dei giovani con la tecnologia e la rete. Il libro è distribuito gratuitamente in 250.000 copie in tutti i punti vendita Unieuro in Italia e nei compartimenti della Polizia Postale. La versione digitale del libro è scaricabile gratuitamente dal sito www.cuoriconnessi.it e dai principali ebook store.

Gran_Guardia_Blu_Cyberbullismo-2
(Gran Guardia illuminata di blu contro il cyberbullismo)

Un'appuntamento quello della Polizia di Stato organizzato in occasione del Safer Internet Day di oggi. Mentre ieri si è celebrata la Giornata nazionale contro bullismo e cyberbullismo a cui anche il Comune di Verona ha aderito illuminando la Gran Guardia di blu.
A Verona, sul tema del cyberbulismo è impegnato anche il Leo Club, associazione giovanile del Lions Club International che promuove attività di volontariato, iniziative a forte impatto sociale e progetti che coinvolgono influencer e sportivi nella realizzazione di contenuti sui social che avvicinino i ragazzi al problema. Sono stati inoltre realizzati anche un fumetto che tratta le tematiche dei rischi del web ed incontri nelle scuole, assieme al service di rilevanza nazionale "Interconnettiamoci" del Lions Club, volto all’educazione verso il digitale dei ragazzi e bambini. La condivisione di tutte le iniziative con l'hashtag #THINKBEFOREPOST sulle pagine social del Distretto e dei vari Club, permetterà di dare maggior impatto e divulgare ancor di più l’importante tematica tra i giovani.
All’accensione del monumento su Piazza Bra sono intervenuti l'assessore alle manifestazioni Filippo Rando, per il presidente del Lions Club Verona Cangrande Vincenzo Tagliaboschi e per il Leo Club Verona la presidente Maria Elena Zanca e il Leo Advisor Luciano Fiorese.
«Il cyberbullismo è un fenomeno che sta caratterizzando sempre di più il mondo dei giovani - ha detto l'assessore Rando - Purtroppo il lockdown e i lunghi periodi di didattica a distanza hanno peggiorato la situazione. Per questo penso che sia fondamentale fare un importante gioco di squadra, noi come istituzioni, la scuola, i genitori e gli stessi giovani, cercando di contrastare questa piaga con iniziative di sensibilizzazione e informando i ragazzi sui rischi legati alla rete».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cuori Connessi della Polizia contro il cyberbullismo. Gran Guardia illuminata di blu

VeronaSera è in caricamento