menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso della Elcograf di Verona (Foto Gmaps)

L'ingresso della Elcograf di Verona (Foto Gmaps)

Elcograf ancora in stallo. Sboarina: «Faremo di tutto per trovare una soluzione»

Il sindaco di Verona ha riunito un tavolo operativo con i rappresentati veronesi in Parlamento e in Regione per concordare una strategia «che riporti serenità a lavoratori e famiglie»

Continua la fase di stallo nel contenzioso tra Elcograf e Mondadori e questo non fa che aumentare le incertezze per i lavoratori dello stabilimento produttivo veronese di Elcograf, il quale potrebbe chiudere se venisse confermato il calo delle commesse da parte di Mondadori, un cliente che da solo vale più della metà del fatturato di Elcograf.

La prossima settimana i sindacati hanno convocato un incontro a cui sono stati invitati i vertici delle due aziende, incontro dall'esito imprevedibile. Intanto ieri, 20 maggio, a Palazzo Barbieri il sindaco di Verona Federico Sboarina ha riunito un tavolo operativo con i rappresentanti veronesi in Parlamento e in Regione proprio per affrontare la grave crisi occupazionale della Elcograf. Presenti i parlamentari Vito Comencini, Stefano Bertacco, Paolo Tosato e Diego Zardini e la consigliera regionale Orietta Salemi. «Faremo tutto il possibile per cercare una soluzione che riporti serenità a lavoratori e famiglie, senza perdere nemmeno un giorno utile», ha assicurato Sboarina. 

Due i fronti sui quali la politica si muoverà. «Da una parte chiederò personalmente un incontro ai vertici di Mondadori dopo il taglio delle commesse agli stabilimenti Elcograf - ha spiegato il sindaco di Verona - Mentre i nostri rappresentanti in Parlamento e Regione domanderanno al Ministero dello sviluppo economico di aprire un tavolo specifico per affrontare la questione occupazionale e accedere alle soluzioni previste per le aziende editoriali in difficoltà, dagli ammortizzatori sociali ai prepensionamenti. L'obiettivo è quello di tenere alta l'attenzione su una crisi che solo a Verona riguarda 440 lavoratori».
Comunque alcuni passi sono già stati fatti. Sono state presentate una mozione in consiglio regionale, per favorire il prepensionamento dei lavoratori che hanno già maturato una determinata anzianità, e una interrogazione e una mozione al Ministero del lavoro, per chiedere di allungare gli ammortizzatori sociali per il tempo necessario a capire se è possibile una riconversione aziendale utile a salvare i posti di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento