"Covid Hotel", individuate 3 strutture nel Veronese. 16 in tutto il Veneto

Si tratta di strutture alberghiere rimaste vuote a causa della pandemia in atto che potrebbero ospitare persone positive al Covid-19 e con lievi sintomi, ma che non necessitano di assistenza sanitaria

Ark Hotel - Immagine Google Maps

L'assessore veneto alla Sanità Manuela Lanzarin, nel corso del punto stampa del presidente Luca Zaia, aveva annunciato che sul territorio erano state individuate dalle Ulss 16 strutture idonee a diventare "Covid Hotel". 
Si tratta di strutture alberghiere rimaste vuote a causa della pandemia in atto, che ha inferto un duro colpo al settore turistico e ricettivo, che potrebbero ospitare persone positive al Covid-19 e con lievi sintomi ma che non possono restare a casa, magari perché non potrebbero rispettare il necessario isolamento, e che non necessitano di assistenza sanitaria. 

16 dunque quelle identificate in tutto il Veneto, di cui tre nel Veronese:

  • Ark Hotel, in viale Luigi dal Cero a Verona.
  • Hotel City, in via Madonnina a San Giovanni Lupatoto. 
  • Hotel Postumia, in via Cavour a Dossobuono di Villafranca di Verona. 
     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

Torna su
VeronaSera è in caricamento