rotate-mobile
Attualità

Coronavirus, la Regione Veneto spiega le procedure per i casi confermati

Gli esperti fanno chiarezza sulle situazioni legate al virus che si è diffuso negli ultimi giorni, spiegando quando viene eseguito il tampone nei soggetti a contatto di caso confermato

Per aiutare la chiarezza della conoscenza delle situazioni legate al Coronavirus da parte della popolazione, gli esperti della Regione Veneto hanno approntato uno schema (flow-chart), basato sulle precisazioni inviate dal Ministero della Salute con la circolare del 25 febbraio, che spiega quando va eseguito il tampone nei soggetti a contatto di caso confermato.
Eccone una sintesi:

  • Se il contatto stretto è asintomatico, viene posto in isolamento domiciliare fiduciario senza l’esecuzione del test con tampone.
  • Se il soggetto, durante il periodo dei 14 giorni di durata dell’isolamento, dovesse manifestare una sintomatologia, lieve o grave che sia, viene immediatamente preso in carico dal servizio sanitario regionale.
  • Nel caso in cui la sintomatologia sia lieve, viene garantita la valutazione da parte del proprio medico curante e l’effettuazione del tampone.
  • Se la sintomatologia invece è grave, interviene il 118 e il paziente viene trasferito al reparto di malattie infettive dell’ospedale di riferimento e viene effettuato il tampone.
  • Se il tampone risulta positivo, si prosegue con quanto previsto per il caso confermato.
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la Regione Veneto spiega le procedure per i casi confermati

VeronaSera è in caricamento