Federfarma: «Farmacie essenziali per tranquillizzare i cittadini sul coronavirus»

La neopresidente veronese Elena Vecchioni ribadisce la disponibilità dei farmacisti del territorio nei confronti della popolazione, che troppo spesso in questi giorni è disorientata

Foto di repertorio

Front office sanitario aperto giorno e notte, sette giorni su sette, quindi anche nel fine settimana, la farmacia territoriale in questo momento di grande apprensione per la popolazione esplica ancora di più la sua funzione sociale di accoglienza. La gente chiede di essere rassicurata sulle correttezza dei nuovi gesti quotidiani preventivi, sulla veridicità delle notizie apprese dai media, ma anche tramite il passaparola. E lo fa dappertutto, nei grandi centri urbani, ma anche nei territori più isolati della nostra provincia dove sempre, grazie alla presenza e alla disponibilità delle farmacie rurali, il farmacista è spesso l'unica figura di riferimento sanitario in presenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elena Vecchioni, neopresidente di Federfarma Verona, interviene sull'emergenza coronavirus per comunicare la costante disponibilità delle farmacie territoriali al servizio della popolazione, che troppo spesso in questi giorni è molto disorientata.
«La farmacia è di supporto al servizio sanitario nazionale che in queste settimane è messo a dura prova dalla situazione fortemente emergenziale legata al diffondersi del coronavirus - prosegue Vecchioni - Oltre quindi all'essenziale servizio di distribuzione dei farmaci sentiamo come nostra un'ulteriore mission che è quella di divulgare quanto più le informazioni ministeriali legate al contenimento del contagio e il supporto ai cittadini. Il sistema delle farmacie di comunità è sempre disponibile, anche a fronte del possibile rischio contagio, come avamposto sanitario per la gestione dell'aspetto emozionale legato all'ansia collettiva. Il cittadino entra in farmacia chiedendo se interpreta bene il decalogo letto sul giornale, oppure perché non si sente bene e non sa cosa fare. In questo caso il nostro primo intervento è quello di tranquillizzarlo e, invece che recarsi subito al pronto soccorso, invitarlo a chiamare il proprio medico di medicina generale o in alternativa il numero verde dell'Ulss 9 Scaligera 800 93 66 66, attivato per i cittadini residenti nella provincia di Verona in supporto ai contatti nazionali e regionali. Molte le domande anche sui presidi sanitari disinfettanti, ma in generale la popolazione chiede sicurezza. In questo frangente il valore aggiunto della farmacia è quello di essere sempre disponibile anche per quesiti che possono sembrare banali, ma non lo sono: i farmacisti verificano tutti i giorni che le risposte chiare aiutano ad affrontare l’emergenza in maniera più serena e soprattutto responsabile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Usa foto di un 15enne morto per adescare 13enne. Scoperto da Le Iene

  • Neonato abbandonato a notte fonda sul ciglio della strada a Verona

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento