Coronavirus, cambiano i divieti. Riaprono le chiese ma con limitazioni

Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri per limitare i contagi da Covid-19 rende meno rigidi gli obblighi per l'accesso ai luoghi pubblici. Ma le manifestazioni sportive restano a porte chiuse

Immagine generica

Fino a domenica 8 marzo, attività scolastiche sospese in tutto il Veneto, ma oltre ai musei riaprono le chiese, seppur con limitazioni volte ad evitare assembramenti.

È arrivato ieri sera, 1 marzo, dopo un'altra giornata passata a monitorare la diffusione in Italia del coronavirus, il decreto del presidente del consiglio dei ministri (dpcm) che prorogato alcuni divieti introdotti dall'ordinanza della domenica precedente, 23 febbraio, per limitare i contagi da Covid-19. Altri divieti, invece, sono stati modificati, per permettere ai cittadini di ritrovare un po' della quotidianità perduta a causa del virus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con il dpcm di ieri, restano sospesi per tutta la settimana gli eventi e le competizioni sportive, a meno che non si svolgano a porte chiuse. E sempre a porte chiuse si dovranno svolgere gli allenamenti degli atleti. Inoltre, i tifosi delle squadre venete non potranno seguire in trasferta i propri beniamini, nel caso in cui giocassero in un territorio in cui si può giocare a porte aperte.
Resta in vigore il divieto di svolgimento di manifestazioni di carattere non ordinario di tipo culturale, ludico, sportivo e religioso. Significa che i grandi eventi sono annullati e che cinema, teatri, discotete e chiese dovrebbero restare chiusi. Vengono però introdotti alcune condizioni che potrebbero permettere l'accesso a questi luoghi pubblici. In sostanza, si può entrare, a patto che il numero consenta agli avventori di rimanere alla distanza di un metro l'uno dall'altro.
Ristoranti, bar e pub possono rimanere aperti, come possono rimanere aperti anche le attività commerciali. Gli obblighi da rispettare sono gli stessi delle altre attività: si entra solo se i clienti possono essere distanti un metro tra loro. Inoltre, ai bar e ai pub è consentito solo il servizio al tavolo. 
Sospese le attività delle scuole di ogni ordine e grado, quindi anche le università ed anche tutte le attività formative. Sospesi anche tutti i concorsi pubblici o privati, ma è permessa la valutazione dei candidati attraversi curriculum o in via telematica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • Steakhouse: i tre migliori di Verona

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • Scontro mortale tra un'auto e una bici: deceduto sul posto il ciclista

  • Citrobacter, provvedimento disciplinare alla direttrice della microbiologia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento