rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Coronavirus, cosa contiene il nuovo decreto del premier Giuseppe Conte

Entrato in vigore ieri, 4 marzo, non ordina solamente la sospensione dei servizi scolastici fino al 15. Il documento include anche raccomandazioni per gli anziani e un invito al tele-lavoro per le aziende

Alcuni dettagli erano stati anticipati e quando è stato varato ieri, 4 marzo, l'attenzione maggiore l'ha avuta la decisione di chiudere le scuole fino al 15 marzo. Ma il nuovo decreto del presidente del consiglio (dpcm), Giuseppe Conte sul coronavirus è pieno di altri dettagli. Il documento è stato passato ai raggi x da Alberto Berlini di Today.it e, appunto, non contiene solo la sospensione dei servizi educativi di ogni ordine e grado.

Per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus sono sospesi, ad esempio, i congressi, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali, in cui è coinvolto personale sanitario o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità. Ma più in generale, sono sospese le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura, inclusi gli eventi sportivi che si potranno tenere solo in assenza di pubblico. Ed anche gli allenamenti si possono tenere solo a porte chiuse.

Un altro divieto contenuto nel dpcm di ieri riguarda gli accompagnatori e i visitatori dei pazienti negli ospedali. Gli accompagnatori non potranno più stare nelle sale di attesa dei pronto soccorso. Le strutture di ospitalità e lungo degenza, le residenze sanitarie assistite e le strutture residenziali per anziani devono inoltre adottare le misure per regolare le visite.

Per le aziende, l'invito è di adottare, ove possibile, il tele-lavoro. Ma le raccomandazioni più importanti sono per gli anziani, la categoria più a rischio. Agli anziani e ai malati si consiglia di non uscire di casa se non in casi di stretta necessità e comunque di evitare luoghi affollati.

Il decreto poi contiene le misure da adottare in quarantena e quelle che tutti i cittadini devono seguire nel casa in cui si manifestassero i sintomi della malattia, come febbre, tosse e difficoltà respiratorie. Alla comparsa dei sintomi si deve avvertire il proprio medico o il pediatra, indossare la mascherina chirurgica e rimanere nella propria stanza con la porta chiusa garantendo un'adeguata ventilazione naturale

Maggiori dettagli qui.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, cosa contiene il nuovo decreto del premier Giuseppe Conte

VeronaSera è in caricamento