Coronavirus, nessun decesso nella notte a Verona e aumentano i guariti

Il numero delle persone contagiate dal Covid-19 e decedute nella provincia scaligera è fermo a 425, mentre cresce il numero dei negativizzati virologici e cala quello degli individui attualmente positivi al virus

Immagine generica

Altri 26 tamponi positivi al Covid-19 a Verona, 4800 in totale dall'inizio della pandemia, sono stati segnalati dall'aggiornamento delle ore 10 del 3 maggio della Regione Veneto. Il numero delle persone attualmente contagiate è sceso a 2690 (29 in meno del dato di sabato pomeriggio), mentre i negativizzati virologici sono diventati 1685 (+55) e i decessi di persone contagiate dal coronavirus, tra strutture ospedaliere e non, son rimasti stabili a 425. 1179 sono invece i soggetti ancora in stato di isolamento domiciliare. 
I dati complessivi del Veneto vedono invece 58 nuovi tamponi positivi (18318 in totale) e 7299 (-123) individui attualmente positivi, mentre i negativizzati sono 9503 (+173) e i decessi 1516 (+8), con 6830 persone in isolamento. 

tabella 1-30

Un lieve incremento dei ricoveri in ospedale è stato registrato nelle scorse in regione, dove i pazienti in area non critica sono diventati 955 (+10 rispetto a sabato), mentre in terapia intensiva sono calati a 103 (-5). 117 sono invece le persone presenti in strutture territoriali, trasferite da ospedali per acuti. 
Una situazione che riflette quella dei nosocomi della provincia scaligera, dove 304 (+7) pazienti si trovano in area non critica e 34 (-4) in terapia intensiva. Questi numeri delle singole strutture: a borgo Roma 21 (+3) pazienti affetti dal coronavirus si trovano in area non critica e 7 (-3) in terapia intensiva; a borgo Trento 13 (+1) pazienti si trovano in area non critica e 10 (-1) in terapia intensiva; a Legnago 28 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica e 4 (dato stabile) in terapia intensiva; a San Bonifacio 6 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica; a Villafranca (ospedale Covid-19 per il Veronese) 84 (+3) pazienti si trovano in area non critica e 8 (dato stabile) in terapia intensiva; a Marzana 58 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica; a Bussolengo 23 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica; al San Biagio di Bovolone 3 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica; a Negrar 33 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica e 4 (dato stabile) in terapia intensiva; a Peschiera 42 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica e 1 (dato stabile) in terapia intensiva.
Nessun nuovo decesso è stato dunque registrato negli ospedali veronesi, che ospitano ancora 113 negativizzati e dal 21 febbraio hanno dimesso 753 persone

tabella 2-2-29
tabella 3-28

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

Torna su
VeronaSera è in caricamento