menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Covid-19, da giovedì pomeriggio meno ricoveri e positivi in Veneto

L'aggiornamento delle ore 8 del 2 aprile ha contato altri 1014 tamponi positivi al Sars-CoV-2 e 9 decessi, mentre le terapia intensive sono tornate sotto quota 300

Il presidente Luca Zaia ha confermato nel corso della sua consueta conferenza streaming, che superate le festività pasquali il Veneto tornerà in zona arancione e ha fornito alcuni dati riguardanti la situazione della regione. L'incidenza dei tamponi positivi sul totale di quelli eseguiti nelle ultime 24 ore è stata del 3,92%, mentre le terapia intensive contano 280 pazienti ricoverati oltre a quelli Covid, che sono 299. Zaia inoltre ha voluto sottolineare l'effetto dei vaccini finora somministrati, grazie ai quali la fascia d'età degli over 70 non risulta più essere quella più colpita dal virus, diventata ora quella che va dai 45 ai 64 anni. Per quanto riguarda i giovani tra i 7 e i 14 anni, attualmente sono 2328 quelli affetti dal coronavirus, 22405 dall'inizio della pandemia.  
Nell'aggiornamento delle ore 8 del 2 aprile di Azienda Zero, rispetto al pomeriggio di giovedì, è possibile notare una lieve diminuzione di individui contagiati e ricoveri, mentre sono stati registrati altri 1014 tamponi positivi al Sars-CoV-2 e 9 decessi.
Dall'inizio dell'emergenza sanitaria in regione sono stati contati complessivamente 386038 casi di Covid-18, 37999 (-41) dei quali attualmente positivi e 337357 (+1046) negativizzati virologici (o guariti), mentre i deceduti colpiti dal virus, tra strutture ospedaliere e non, sono 10682. 
Sono 200 i casi emersi in provincia di Verona, per un totale di 73368, di cui: 6593 (+80) tuttora affetti dal coronavirus, 64333 (+120) negativizzati e 2442 deceduti (dato quest'ultimo rimasto stabile rispetto al bollettino delle ore 17 del 1° aprile)

tabella-10-20

Negli ospedali del Veneto sono presenti 1931 (-9) persone nelle varie aree non critiche, 1666 delle quali ancora positive, e 299 (-2) in terapia intensiva, di cui 15 ora negativizzate. 
Considerando solo le strutture del territorio scaligero, si contano 362 (-7) pazienti positivi in area non critica e 64 (-1) in terapia intensiva. Questi i dati dei singoli nosocomi: 106 a Borgo Roma (di cui 20 in terapia intensiva), 69 a Borgo Trento (di cui 13 in terapia intensiva), 71 a Legnago (di cui 8 in terapia intensiva), 3 a San Bonifacio (di cui 1 in terapia intensiva), 98 a Villafranca di Verona (di cui 16 in terapia intensiva), 1 a Marzana, 52 a Negrar (di cui 4 in terapia intensiva) e 26 a Peschiera del Garda (di cui 2 in terapia intensiva).
Negli ospedali di comunità veronesi infine risultano ricoverati 31 pazienti positivi: 7 a Bovolone, 2 a Peschiera e 22 a Bussolengo.

Scarica il report delle ore 8 del 2 aprile di Azienda Zero

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento