menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto generica di repertorio)

(Foto generica di repertorio)

Vaccini anti-Covid, prima dose e richiamo somministrati a 110mila veneti

Nella provincia di Verona sono 43.389 le dosi somministrate dall'Ulss 9 Scaligera e 10.436 quelle somministrate dall'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata

È aggiornato alle 18.30 di ieri, 24 febbraio, il bollettino più recente sulla campagna vaccinale anti-Covid del Veneto. Le dosi complessivamente somministrate sono state 307.632 su di una popolazione così suddivisa: 197.768 cittadini con una sola dose inoculata finora e 109.935 cittadini a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose.
Nella provincia di Verona sono 43.389 le dosi somministrate dall'Ulss 9 Scaligera e 10.436 quelle somministrate dall'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata.

Tre i vaccini anti-Covid a disposizione del Veneto. Le maggior parte di dosi in magazzino sono del vaccino Pfizer, poi AstraZeneca e infine Moderna. Ed in questi ultimi giorni vengono somministrati tutti e tre. Ieri, le dosi somministrate sono state 7.713 ed oltre 6mila erano di vaccino Pfizer.

Il Veneto continua ad avere una percentuale di vaccinati over 70 superiore alla media nazionale. La percentuale raggiunta è del 26,7%, mentre la media italiana è del 21,3%. Ma la fascia di età maggiormente vaccinata rimane quella dei 50enni (50-59 anni), coperta per oltre il 23% in Veneto e per il 22.9% in Italia. Sono 30.083 i 50enni veneti che hanno completato il ciclo vaccinale con le due somministrazioni, mentre gli over 70 sono 18.521.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento