Coronavirus, Zaia e Rigoli lanciano sperimentazione dei test "fai da te"

«Al termine del percorso, qualora i risultati in parallelo con i tamponi molecolari ne dimostrassero l’efficacia, sarà avanzata richiesta di validazione alle autorità scientifiche nazionali», fa sapere la Regione

Rigoli e Zaia (Foto di repertorio)

Domani, 16 novembre, alle 12.30, il presidente della Regione Luca Zaia terrà il consueto aggiornamento sull'andamento dell'epidemia da Covid-19. Durante questo appuntamento, Zaia sarà affiancato dal dottor Roberto Rigoli, coordinatore delle 14 microbiologie venete e vicepresidente dei microbiologi italiani. Insieme presenteranno il cosiddetto «test fai da te», un particolare esame che ogni cittadino potrebbe fare autonomamente da casa per scoprire se è positivo o negativo al virus. Per questo test di autodiagnosi, il Veneto avvierà la sperimentazione per verificare la sua effettiva validità scientifica. «Al termine del percorso, qualora i risultati in parallelo con i tamponi molecolari ne dimostrassero l’efficacia, sarà avanzata richiesta di validazione alle competenti autorità scientifiche nazionali», ha fatto sapere la Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento