rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Indagine dell'Iss nella acque reflue: «A Verona variante Delta e sue mutazioni»

I campioni sono stati prelevati in tutta Italia e confermano la presenza ormai quasi esclusiva della variante Delta, ma con una grande variabilità genetica compresa la cosiddetta "Delta Plus"

Anche i campioni prelevati dalle acque reflue confermano la presenza ormai quasi esclusiva sul territorio nazionale della variante Delta del coronavirus. Una presenza associata a una grande variabilità genetica con molte mutazioni comprese quelle della cosiddetta "Delta Plus". Lo affermano i risultati della seconda indagine dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), secondo cui tutti i campioni positivi mostravano la variante Delta del virus.
Lo studio è stato svolto dal gruppo di lavoro coordinato da Giuseppina La Rosa, del Dipartimento Ambiente e Salute, e da Elisabetta Suffredini, del Dipartimento di Sicurezza Alimentare, Nutrizione e Sanità pubblica Veterinaria dell'Iss. Ha analizzato 92 campioni raccolti in 16 Regioni o Province Autonome nel periodo tra il 4 e l'8 ottobre 2021.

INDAGINE PRESENZA CORONAVIRUS IN ACQUE REFLUE (in inglese)

Il 60% dei campioni ha confermato positività al virus del Covid-19. E sono 55 i campioni risultati positivi alla variante Delta. Tra questi ce ne sono 12 in cui sono presenti tutte le mutazioni e uno di questi 12 campioni era stato raccolta a Verona.

«Le prospettive di questa attività sono molto promettenti - ha commentato Marco Martuzzi, direttore del Dipartimento Ambiente e Salute dell'Iss - La sorveglianza del coronavirus in reflui urbani è uno strumento complementare alla sorveglianza microbiologica ed epidemiologica per lo studio dei trend epidemici, ma anche per esplorare la variabilità genetica del virus».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagine dell'Iss nella acque reflue: «A Verona variante Delta e sue mutazioni»

VeronaSera è in caricamento