Covid-19, più negativizzati e dimessi che "nuovi positivi". 7 però i decessi a Verona

Il numero dei casi attualmente positivi continua a scendere sia nel Veneto in generale, sia a Verona, così come continua a calare il numero di persone costrette alle cure ospedaliere

Immagine generica

Nonostante si continuino a registrare nuovi tamponi positivi al Covid-19, a Verona e nel resto del Veneto continua a calare il numero dei contagiati. L'aggiornamento delle ore 8 della Regione, segnala altri 94 casi nell'area scaligera, per un totale di 4164, ma il numero degli individui attualmente positivi è calato, seppur di poco, a 3007, 3 in meno rispetto alla giornata di martedì. Sono diventati 832 (90 in più del 21 aprile) invece i negativizzati virologici e 1548 i soggetti in isolamento domiciliare, mentre i decessi di persone contagiate dal coronavirus, tra strutture ospedaliere e non, hanno purtroppo toccato quota 325 (+7). 
In totale, in Veneto, sono 16738 i tamponi positivi, grazie ai 334 segnalati nell'ultimo aggiornamento, ma il numero dei casi attualmente positivo è sceso a 9991, 86 in meno al dato di martedì. Cresciuto anche il numero di persone contagiate decedute, arrivato a 1181 (+27), così come quello dei negativizzati, ora a quota 5566 (+393). 

Tabella 1-21

Da evidenziare anche il calo dei ricoveri negli ospedali regionale, che ospitano ora 1368 pazienti (-39 rispetto a martedì), dei quali 1205 (-25) in area non critica e 163 (-14) in terapia intensiva. Oltre a loro nelle strutture territoriali sono presenti 129 persone, trasferite da ospedali per acuti. 
Verona segue la tendenza regionale e annovera 19 pazienti in meno nei suoi nosocomi, che attualmente ne contano 455. L'area non critica ospita in tutto 388 (-15) persone e la terapia intensiva 67 (-4). Questa la situazione delle singole strutture: a borgo Roma 40 (-2) persone contagiate dal Covid-19 si trovano in area non critica e 15 (dato stabile) in terapia intensiva; a borgo Trento 10 (-3) persone si trovano in area non critica e 25 (dato stabile) in terapia intensiva; a Legnago 47 (-1) persone si trovano in area non critica e 5 (dato stabile) in terapia intensiva; a San Bonifacio 6 (dato stabile) persone si trovano in area non critica; a Villafranca (ospedale Covid-19 per il Veronese) 91 (-5) persone si trovano in area non critica e 16 (dato stabile) in terapia intensiva; a Marzana 63 (+1) persone si trovano in area non critica; a Bussolengo 25 (-1) persone si trovano in area non critica e 25 (dato stabile) in terapia intensiva; a Bovolone nessun paziente è più presente in area non critica; a Negrar 58 (-3) persone si trovano in area non critica e 6 (-2) in terapia intensiva; a Peschiera 48 (dato stabile) persone si trovano in area non critica, mentre nessun paziente è più presente in terapia intensiva. 
Il numero dei decessi di persone positive al Covid-19 negli ospedali del Veneto, dal 21 febbraio ad oggi, è arrivato a 989 (+17), mentre 343 (+29) sono i negativizzati ancora ricoverati e 2232 (+57) i pazienti dimessi. 
Dei 7 nuovi decessi purtroppo registrati nel Veronese, 6 si sono verificati nelle strutture ospedaliere: borgo Roma, Villafranca (2), Bussolengo, Negrar e Peschiera. È sceso a 67 (-16) il numero dei negativizzati ospititati nei nosocomi scaligeri, che hanno invece dimesso altre 25 persone, per un totale di 620. 

Tabella 2-2-20
Tabella 3-19

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento