menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli sulla qualità dell'acqua (Foto di repertorio)

Controlli sulla qualità dell'acqua (Foto di repertorio)

Controlli sulla balneazione in Veneto, sempre pulite le acque del Garda

Il bilancio della stagione estiva 2020 è di 99,8% di conformità ai parametri di legge. Solo uno dei due punti monitorati nel lago di Centro Cadore ha avuto due episodi di non conformità

Si è conclusa la campagna di controlli sulla balneazione effettuata da Arpav e guardia costiera del Veneto. Il bilancio della stagione estiva 2020 è di 99,8% di conformità ai parametri di legge, con tutte le spiagge dell'Adriatico che sono sempre state aperte alla balneazione. E lo stesso vale per i laghi, ad eccezione di uno dei due punti monitorati nel lago di Centro Cadore che ha avuto due episodi di non conformità.

La rete regionale di monitoraggio della qualità delle acque di balneazione in Veneto consta di 174 acque di balneazione distribuite su 8 corpi idrici (95 sul mare Adriatico, 65 sul lago di Garda, 4 sul lago di Santa Croce, 1 sul lago del Mis, 4 sul lago di Centro Cadore, 2 sul lago di Lago, 2 sul lago di Santa Maria e 1 sullo specchio nautico di Albarella) per un totale di circa 149 chilometri di costa controllata adibita alla balneazione.

Nella stagione balneare 2020, Arpav ha esaminato 1.044 campioni di cui 1.042 risultati favorevoli per una percentuale di conformità ai valori limite di legge pari al 99.8% dei casi (+3,1% in più rispetto al 2019). I casi di non conformità nella stagione balneare 2020 sono stati due, rilevati entrambi a "Vallesella-Casette" nel lago di Centro Cadore, punto che era già soggetto ad un divieto per tutta la stagione balneare a seguito di una scarsa classificazione alla fine della stagione balneare precedente. Le due non conformità si sono rilevate una nel campionamento pre-stagione del 12 maggio e l'altra l'8 settembre e sono state determinate dai parametri di escherichia coli e di enterococchi intestinali.

Da un'analisi dell'ultimo quadriennio di dati (dati 2017-2020), periodo utilizzato anche per la classificazione 2020 delle acque di balneazione valida per l’inizio della stagione balneare 2021, si evidenzia che le percentuali di conformità rilevate sui campioni esaminati dai competenti laboratori di Arpav sono sempre state superiori al 95%.

balneazione finale tabella-2

Entro la fine di novembre la Regione, su proposta di Arpav, provvederà alla classificazione delle 174 acque di balneazione del Veneto sulla base dei dati rilevati negli ultimi 4 anni (2017-2020), valida per l'inizio della stagione balneare 2021.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento