menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I controlli alla qualità dell'acqua fatti da Arpav

I controlli alla qualità dell'acqua fatti da Arpav

Qualità delle acque balneabili in Veneto: «il 94,8% è eccellente»

Su tutti i 174 punti controllati, 173 sono stati classificati balneabili e tra questi ci sono tutti i punti del Lago di Garda. Già svolto il secondo giro di controlli, di cui si attendono i risultati

Anche quest'anno Arpav, in collaborazione con la direzione marittima, assicura i controlli sulla qualità delle acque di balneazione del mare e dei laghi veneti con campionamenti mensili durante tutta la stagione balneare. Il primo controllo effettuato sulle 174 acque di balneazione hanno avuto questo esito: 173 sono state classificate come «eccellente», «buona» o «sufficiente» e quindi idonee per l'inizio della stagione balneare 2020; un solo punto di quattro nel lago di Centro Cadore, «Vallesella casette», è risultato di qualità «scarsa» e pertanto quel punto sarà temporaneamente vietato per la stagione balneare 2020 ma comunque monitorato. Comunque, tutte le acque di balneazione del Lago di Garda veronese sono balneabili.

I controlli prevedono rilievi su parametri di natura ambientale (temperatura aria, temperatura acqua, vento corrente, onde e altro), analisi di parametri microbiologici (escherichia coli e enterococchi intestinali) ed ispezioni di natura visiva (presenza di vetro, plastica, gomme, residui bituminosi o altro). Il programma di controlli è approvato ogni anno dalla Regione del Veneto che delibera una classificazione basata sui dati dei quattro anni precedenti. La classificazione 2020 vede il 94,8% del totale delle acque nella classe eccellente.

La seconda campagna di monitoraggio è stata realizzata tra il 25 e il 27 maggio e si attendono i risultati.

Globalmente, per il 2020, sono 1.044 i campioni programmati per un totale di 2.088 analisi, oltre ad eventuali campioni aggiuntivi che saranno effettuati in caso di riscontro di campioni anomali per verificare la persistenza o meno del fenomeno inquinante ed identificarne le cause. I risultati delle analisi sono pubblicati nel sito di Arpav oltre che inseriti nel «Portale acque di balneazione» del Ministero della salute. Sui siti è anche possibile consultare il «profilo delle acque di balneazione», una scheda dettagliata dell’area balneare che riporta una serie di informazioni utili per il cittadino e per il turista, come la conformazione fisico-geografica dell’area, la facilità di accesso al mare, l’eventuale presenza di lido attrezzato, la possibilità di accesso per gli animali.

controlli lago analisi balneazione ARPAV-2
(Un campionamento svolto da Arpav)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento