rotate-mobile
Attualità Belfiore / Piazza della Repubblica

Consorzio di bonifica L.e.b., visita al cantiere da ben 53 milioni di euro nel canale Adige Guà

Un centinaio di rappresentanti dei Consorzi di Bonifica, delle Associazioni agricole, tecnici e ingegneri, oltre a esponenti politici hanno visto da vicino l’imponente opera di rifacimento del Canale irriguo L.E..B

Visita al cantiere in corso a Belfiore all’interno del canale Adige Guà per il rifacimento dello stesso per cui il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilita? Sostenibile ha stanziato 53 milioni di euro. All’appuntamento organizzato dal Consorzio di Bonifica L.e.b. hanno partecipato un centinaio di persone tra rappresentanti dei Consorzi di Bonifica del Veneto, Organizzazione Agricole, enti collegati ai Consorzio di Bonifica, tecnici e ingegneri ed esponenti della politica. A presentare il progetto e l’attività del Consorzio L.e.b. è stato il direttore del Consorzio Paolo Ambroso che dopo aver presentato il Consorzio ne ha illustrato le principali funzioni ed i progetti innovativi in programma, volti a rendere il sistema L.e.b. sempre più evoluto e tecnologicamente avanzato al fine di consentire un utilizzo più razionale ed in linea con le direttive europee della risorsa idrica. «Il progetto, - evidenzia il direttore - tra i più importanti d’Italia, permetterà al territorio veneto di avere una infrastruttura idraulica completamente nuova, a prova di tenuta, ed all’avanguardia per quanto riguarda il sistema di distribuzione e salvaguardia irrigua».

CONSORZIO DI BONIFICA L.E.B. VISITA NEL CANALE AL CANTIERE  cologna veneta 1-2

A seguire ha portato i saluti il presidente del Consorzio di Bonifica L.e.b. Moreno Cavazza che, dopo aver ringraziato enti e istituzioni per il contributo offerto nel finanziamento dell’opera in corso ha sottolineato che «gli interventi realizzati consentiranno un risparmio annuo di 87.2 milioni di m³ di acqua e sono quindi fondamentali per l’agricoltura di una parte consistente della pianura veneta». Cavazza ha aggiunto: «Il primo tratto dell’opera risale tra gli anni 70 ed i primi anni 80. Nonostante l’efficienza manutentiva e i costanti lavori di sistemazione ordinaria sin qui eseguiti, l’opera necessitava di un intervento radicale di ristrutturazione anche per poterla dotare di innovativi sistemi di monitoraggio e distribuzione della risorsa idrica».

Sono quindi intervenuti in rappresentanza dei Consorzi elementari che costituiscono il Consorzio L.e.b., i presidenti dei Consorzi di Bonifica Adige Euganeo, con il Presidente Michele Zanato, Alta Pianura Veneta, con il presidente Silvio Parise, ed il Consorzio di Bonifica Bacchiglione con il direttore Francesco Veronese. Hanno preso la parola il presidente di Anbi Veneto Francesco Cazzaro, il quale ha dichiarato: «Stiamo efficientando tutto il sistema di distribuzione irrigua consapevoli che l’acqua che viene distribuita a uso irriguo ha anche una valenza ambientale fondamentale. Il L.e.b. è dunque un ottimo esempio di questa multifunzionalità», nonché il sindaco di Cologna Veneta Manuel Scalzotto che ha evidenziato quanto l’opera sia «utile e necessaria per tutto il territorio veneto».

È altresì intervenuta Marina Colaizzi, segretario generale dell’Autorità di Bacino Distrettuale delle Alpi Orientali, per testimoniare l’importanza dell’opera ed affermare che «questo è un esempio di eccellenza italiana nel realizzare opere di importanza vitale. Gli interventi per l’efficientamento di quest’opera partono dal 2017 con l’obiettivo di ridurre le perdite idriche. Il finanziamento rientra tra gli "Investimenti in infrastrutture idriche primarie per la sicurezza dell’approvvigionamento idrico", in attuazione di quanto previsto dal PNRR, Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, e risponde alle direttive europee sul risparmio idrico ed il rispetto dell’ambiente. L’acqua, infatti, è una risorsa scarsa che deve essere gestita specie in periodi siccitosi come questo, pertanto, è necessario il confronto con i Consorzi di Bonifica».

Presenti anche iI presidente di Coldiretti Verona Alex Vantini e di Vicenza Martino Cerantola, il presidente di CIA Veneto Roberto Betto e la presidente di Confagricoltura Vicenza Anna Trettenero. Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale, presente all’evento ha espresso grande apprezzamento per quanto si sta realizzando al L.e.b.: «È importante il rapporto tra la Regione, Anbi Veneto e i Consorzi di Bonifica per realizzare progetti e per andare a Roma a presentarli. Questo del L.e.b. è un bell’esempio che dimostra come vengono impiegate le risorse del PNRR per efficientare un’opera fondamentale con sistemi moderni».

CONSORZIO DI BONIFICA L.E.B. VISITA NEL CANALE AL CANTIERE  cologna veneta 2-2-2

Le spiegazioni tecniche, supportate da significative immagini video, sono state curate dal Progettista Massimo Coccato, per quanto riguarda gli aspetti progettuali, dal direttore dei lavori e capo Ufficio Tecnico del Consorzio L.e.b. Matteo Dani per quanto concerne le fasi realizzative e le soluzioni tecniche di cantiere, e infine da Gaetano Marangoni, in rappresentanza della ditta appaltatrice, per quanto attiene gli aspetti organizzativi e di sicurezza del cantiere stesso. Dagli interventi tecnici è emerso che per realizzare i lavori sono stati previsti complessivamente 2 milioni di kg di ferro e 20mila metri cubi di calcestruzzo. La superficie interna oggetto di rifacimento è di 120mila metri quadrati, pari a 18 campi da calcio. Il materiale proveniente dalle lastre demolite viene riutilizzato in cantiere con notevoli risparmi in termini ambientali ed economici.

Il direttore di Anbi Veneto Andrea Crestani è intervenuto sul tema della siccità e sugli scenari futuri precisando: «Il rifacimento del canale L.e.b. si inserisce in un vasto piano di interventi che i Consorzi di Bonifica del Veneto hanno avviato nel 2018 per un valore complessivo di 100 milioni di euro attratti grazie alla capacità progettuale dei loro uffici tecnici, e che stanno realizzando con grande efficienza e nel rispetto dei tempi. Gestire al meglio la risorsa è fondamentale ma ormai serve ampliare l’orizzonte e avviare un piano per trattenere l’acqua, fondamentale, visti i sempre più lunghi e frequenti periodi siccitosi». Lo scorso 16 dicembre il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile ha stanziato, con proprio decreto, al Consorzio L.e.b. «un finanziamento di 33 milioni di euro per il completamento dei lavori di rifacimento dell’infrastruttura del ConsorzioL.e.b.». Il finanziamento, si legge sempre nella nota del Consorzio L.e.b., «porta a 53 milioni lo stanziamento pubblico complessivo destinato dal Ministero per tale importante opera regionale, per la quale sono già in atto i lavori di primo stralcio finanziati per 20 milioni di euro nel 2019».

Il sistema L.e.b. oltre a rappresentare una fondamentale opera di distribuzione di acqua irrigua e vivificazione del territorio detiene anche un importante ruolo nella difesa idraulica del comprensorio. Il tratto Adige-Guà, infatti, all’occorrenza, funge da invaso per le piene del torrente Guà Frassine. Mentre il canale sotterraneo, quando necessario, permette di scaricare nel Bacchiglione le piene del canale Bisatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio di bonifica L.e.b., visita al cantiere da ben 53 milioni di euro nel canale Adige Guà

VeronaSera è in caricamento