Superbeton resta chiusa, anche il Consiglio di Stato a favore della Provincia

Dopo la sentenza del Tar, è arrivata anche l'ordinanza del Consiglio di Stato che giudica corretta la scelta dell'ente provinciale di revocare l'autorizzazione ad operare all'azienda di Montorio

Superbeton a Montorio

È pubblicata venerdì scorso, 10 luglio, l'ordinanza con cui Consiglio di Stato ha respinto il ricorso di Superbeton contro la Provincia di Verona

La vicenda

Superbeton è un'azienda con sede in Via del Vegron, in zona Montorio a Verona, la quale produce bitume dal recupero di rifiuti inerti non pericolosi. Per anni, la ditta è stata contestata dalla popolazione del quartiere perché produceva odori e rumori eccessivamente fastidiosi. La Provincia di Verona aveva chiesto ai responsabili di Superbeton di rimediare, evidenziando però «conclamate inadempienze della ditta in termini di misure di contenimento delle emissioni». Per questo, nel gennaio scorso, la Provincia ha revocato a Superbeton l'autorizzazione a svolgere la sua attività.
Contro la revoca, Superbeton aveva fatto ricorso al Tar, chiedendo inoltre un risarcimento di 5 milioni di euro. Il Tribunale amministrativo regionale ha respinto il ricorso dell'azienda, la quale si è così rivolta al Consiglio di Stato.

L'ordinanza del Consiglio di Stato

Per i giudici del Consiglio di Stato è risultato prevalente l'interesse pubblico di mantenere inalterata l'attuale situazione di fatto «anche in relazione agli aspetti ambientali». Per questo, il ricorso è stato respinto e quindi Superbeton continua a rimanere chiusa, perché la revoca della Provincia di Verona rimane valida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le mancanze della Superbeton sotto il profilo del contenimento delle emissioni sono dimostrate da anni e anni di contestazioni - ha commentato il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco - L'autorizzazione è del novembre 2017 e la prima diffida, su segnalazione dei cittadini, è di appena di quattro mesi dopo. A questa ne sono seguite almeno altre quattro. Sono un fatto e non un'opinione le continue segnalazioni di disagio da parte della popolazione in merito alla persistenza di odori e rumori provenienti dall’impianto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento