menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente Scalzotto durante il consiglio provinciale

Il presidente Scalzotto durante il consiglio provinciale

Fondi dalla Provincia per scuole e maltempo, via libera del consiglio

Ratificata una variazione di bilancio dovuta all'impatto del coronavirus sul trasporto pubblico locale e sulle scuole e dovuta anche ai danni provocati dal maltempo del 23 agosto scorso ad alcuni edifici

Si è tenuto ieri, 30 settembre, nella Loggia di Fra' Giocondo al Palazzo Scaligero, il consiglio provinciale di Verona. All'ordine del giorno il Dup (documento unico di programmazione) e la ratifica della deliberazione urgente del presidente Manuel Scalzotto che ha previsto una variazione di bilancio dovuta all'impatto del coronavirus sul trasporto pubblico locale e sulle scuole e dovuta anche ai danni provocati dal maltempo del 23 agosto scorso ad alcuni edifici della Provincia.

La variazione di bilancio contempla l'utilizzo di 5,66 milioni di euro di trasferimenti statali e regionali per il trasporto pubblico locale: 578mila euro per il potenziamento dell'offerta dei servizi extraurbani, 1,66 milioni per il potenziamento dei servizi urbani affidati ad Atv e, infine, 3,42 milioni assegnati dallo Stato a titolo di compensazione per i minori ricavi tariffari registrati dal gestore durante il periodo dell'emergenza Covid. Inoltre, sono stati stanziati 204mila euro, da trasferimenti statali, per l'affitto di nuovi spazi scolastici e la conduzione degli stessi da parte degli istituti superiori, mentre per ricavare cinque nuove aule scolastiche all'ex ospedale di Valeggio, sono stati messi a bilancio 400mila euro, anche questi sostenuti da un contributo dello Stato.
Sulle tempistiche dell'intervento hanno chiesto delucidazioni i consiglieri Paolo Martari e Roberto Dall'Oca. Quest’ultimo ha poi ribadito la necessità di un campus per il sistema scolastico del Villafranchese. L'acquisto di moduli prefabbricati da adibire a cinque aule a Villafranca, impegnerà 350mila euro (di trasferimenti statali). Inoltre, sono stati accantonati altri 800mila euro finanziati con parte dell'avanzo della Provincia per l'eventuale acquisto di analoghi moduli per alcuni istituti del Sambonifacese e del Legnaghese.

Altri 750mila euro sono stati messi a bilancio sia per eventuali altri interventi urgenti nelle scuole, sia per far fronte ai danni del maltempo. La Provincia ha inoltre già avviato lavori di somma urgenza, che sono stati ratificati dal Consiglio, per ulteriori 160mila euro, destinati a interventi immediati in alcuni edifici colpiti dal nubifragio.
Nel dettaglio, al Sanmicheli di Piazza Bernardi, il maltempo ha provocato la caduta di alcuni alberi, la rottura di vetri e serramenti e ha scardinato due cupolini sul tetto, rendendo inagibile un’aula sottostante. Cupolini rotti anche alla succursale del liceo Fracastoro in Via Cà di Cozzi. Alla succursale del Maffei di Via Venier, invece, si sono registrati allagamenti, il distacco di gronde e rami abbattuti dalla forza del vento. Anche al Lorgna-Pindemonte di Corso Cavour danneggiati alcuni vetri, come pure al Ferraris, dove il maltempo ha provocato il distacco di due serramenti. La grandine, invece, ha segnato la grande vetrata del corridoio che unisce Provincia e Prefettura al Palazzo Scaligero, dove si sono registrate, inoltre, diverse infiltrazioni d’acqua.

«Al Covid, che ci ha imposto numerosi interventi nelle scuole e ha messo in forte difficoltà il trasporto pubblico locale, si è aggiunto il maltempo di agosto che ha colpito gli edifici di alcuni istituti superiori e il Palazzo Scaligero - ha sottolineato il presidente della Provincia Manuel Scalzotto - I nostri uffici si sono attivati immediatamente per i primi lavori urgenti con fondi propri, regionali e statali, tanto che alcuni piccoli interventi di messa in sicurezza sono già terminati».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento