menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso Mondiale delle Famiglie, tre giorni di eventi e proteste a Verona

Rinuncia a partecipare il presidente dell'Istat, il vescovo Zenti ci sarà ma la Chiesa non appoggia l'evento e le contromanifestazioni in diversi punti del centro ormai non si contano più

È partita e si conclusa nel giro di una giornata l'ultima polemica riguardante il Congresso Mondiale delle Famiglie che si terrà a Verona da domani, 29 marzo, fino a domenica 31 marzo. Ieri, 27 marzo, il presidente dell'Istat Giancarlo Blanciardo ha comunicato la propria rinuncia a partecipare all'evento della Gran Guardia. La sua sarebbe stata una presenza "tecnica" e non politica, ma questo non è bastato a calmare gli animi che si erano accesi nel vedere il presidente dell'Istat tra i relatori di un evento tanto discusso. Blanciardo avrebbe rinunciato a partecipare «al fine di evitare che una decisione del tutto personale possa essere interpretata come una decisione del presidente dell'Istat», ha fatto sapere l'ufficio stampa dell'istituto di statistica.
Confermata invece la presenza, nella prima giornata di domani, del vescovo di Verona Giuseppe Zenti il quale porterà un saluto e il messaggio di Papa Francesco sulla famiglia, ma che continua anche a mantenere la linea ufficiale della Chiesa che sul congresso ha espresso molte perplessità, tanto da non appoggiarlo come invece hanno fatto altre istituzioni con i loro patrocini.

E tra gli enti che patrocinano il Congresso Mondiale delle Famiglie c'è il Comune di Verona, al cui interno però è forte il contrasto tra sostenitori e oppositori. Un contrasto che ha generato anche una strana convergenza tra il consigliere comunale Mauro Bonato, cacciato dalla Lega, e il Partito Democratico. E Verona e Sinistra in Comune, con il suo consigliere comunale Michele Bertucco attacca l'amministrazione che ha concesso gratuitamente spazi comunali agli organizzatori dell'evento. «È ingiusto che il Comune metta sul conto di tutti i veronesi oltre centomila euro che verranno spesi per questa kermesse finalizzata ad escludere e non ad includere», ha detto Bertucco. Verona e Sinistra in Comune sarà dunque al fianco di manifesterà pacificamente contro il forum delle famiglie. E lo stesso farà Potere al Popolo che il 30 marzo sarà in piazza Bra «per sostenere le lotte femministe e il contrasto al rigurgito di patriarcato che avrà il suo apice nel Congresso Mondiale delle Famiglie - fanno sapere da Pap - Un summit mondiale che vuole raccontare e costruire un'idea di "famiglia naturale" chiusa, sessista, contraria ai diritti e alle differenze, condannando il divorzio, la libera scelta sull'aborto e le coppie non eteronormati». Ma ci sarà anche il contro-evento organizzato dai Radicali Italiani per domani in Villa Corte Molon, i «Dialoghi d'Amore» che inizieranno alle 21. Un messaggio contrario al congresso delle famiglie lo vuole inviare anche Possibile, sabato 30 marzo dalle 18.30, con la presentazione del libro «I nostri corpi come anticorpi. La risposta delle donne alla reazione della destra», scritto da Beatrice Brignone e da Francesca Druetti. L'appuntamento è nella libreria Libre!. E anche Italia In Comune avrà il suo presidio con l'intervento del coordinatore nazionale Alessio Pascucci sabato alle 12 in piazza Pradaval.

Ma possiamo dire che le contromanifestazioni al Congresso Mondiale delle Famiglie sono già iniziate ieri con un blitz di un gruppo di attivisti in Gran Guardia. Blitz oggi criticato da Forza Nuova Verona. «Sarebbe opportuno che la Questura ci spiegasse come sia stato possibile violare un sito così importante e sensibile come la Gran Guardia, considerando il concreto ed elevato rischio che si ponesse in atto un piano di sabotaggio o addirittura peggio - commenta Pietro Amedeo, segretario provinciale di Forza Nuova - Oppure si è trattato di una messinscena concordata per consentire una pur patetica visibilità in condizioni controllate e di sicurezza, prima dell'inizio del congresso?». E il dirigente nazionale Luca Castellini ha aggiunto: «Porremo la questione al Prefetto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento