Attualità Centro storico / Via Roma

Fondazione Arena, confronto dirigenza-lavoratori. Resta la sfiducia

La sovrintendente Cecilia Gasdia e il direttore generale Gianfranco De Cesaris hanno convocato separatamente le Rsu dei lavoratori che alla fine commentano: «Numerose perplessità e i dissensi»

Ingresso della sede di Fondazione Arena (Foto di repertorio)

Giornata di incontri e di confronti quella di ieri, 10 gennaio, in Fondazione Arena. La sovrintendente Cecilia Gasdia e il direttore generale Gianfranco De Cesaris hanno convocato separatamente le Rsu dei lavoratori senza i rappresentanti sindacali. Ai lavoratori sono stati mostrati il bilancio dell'anno appena concluso, il bilancio di previsione e la programmazione artistica per il 2019. Questi incontri non sono serviti ai vertici dell'ente lirico per riguadagnarsi la fiducia dei dipendenti. «Numerose sono state le perplessità e i dissensi», hanno riportato le stesse Rsu in una nota congiunta con i sindacati Slc Cgil, Uilcom Uil e Cisal Fials

I lavoratori hanno visto e toccato con mano il disordine organizzativo e amministrativo esistente, oltre che una carenza di programmazione fatta di soli titoli e annunci roboanti, non ancora supportati da progetti sostenibili e nemmeno degli elementi organizzativi minimi -scrivono le organizzazioni sindacali - La direzione di Fondazione Arena tenta di disaggregare i settori e delegittimare le rappresentanze sindacali, tentativo che non può che alimentare la sfiducia nei confronti del gruppo dirigente. Queste riunioni aziendali non possono in alcun modo sostituire i percorsi informativi e negoziali di competenza del sindacato, né tantomeno cancellare le decine e decine di problematiche rimaste insolute a causa delle insufficienti capacità del gruppo dirigente dai costi stellari. Proseguiranno comunque le azioni di lotta e le iniziative intraprese nei confronti della Regione, come pure verso il Ministero che ha il dovere di controllare e vigilare la gestione di Fondazione Arena.
Se "l'apertura al dialogo" passa attraverso l'ennesimo tentativo di rottura con i lavoratori (che oggi ha trovato forma nell'escludere le rappresentanze sindacali, negando loro i permessi, nell'intimazione ad alcuni delegati e segretari provinciali a non entrare agli incontri delle fasce orarie degli altri settori e nella minaccia di sanzioni disciplinari), si conferma l'arroganza di una direzione che sta facendo di Fondazione Arena una "cosa propria".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Arena, confronto dirigenza-lavoratori. Resta la sfiducia

VeronaSera è in caricamento