È veronese il bagno più brutto d'Italia e vince una ristrutturazione completa

Un coppia di Verona ha vinto il concorso indetto da Instapro ed Iperceramica "Bagno da Incubo 2019". «Questo premio ci aiuterà a stravolgere quel tugurio che noi chiamiamo bagno e che siamo costretti ad usare»

Il bagno che ha vinto il concorso

Erano più di duecento i partecipanti al concorso indetto da Instapro ed Iperceramica, ma alla fine è stato un bagno di Verona a vincere il titolo di «Bagno da Incubo 2019», titolo che metteva in palio una ristrutturazione completa della zona bagno.

La competizione era completamente gratuita e ai partecipanti era sufficiente inviare al portale dedicato una foto del proprio bagno, cercando poi di raccogliere il maggior numero di consensi possibili per accedere alla fase finale, alla quale sono stati ammessi solo i 12 bagni più votati. Complessivamente i voti sono stati più di 15mila. Il premio in palio era la ristrutturazione del bagno, per un valore massimo di seimila euro, suddivisi tra la manodopera offerta da Instapro ed il materiale messo a disposizione da Iperceramica.

Le foto dei partecipanti sono giunte da tutto il territorio nazionale ed hanno offerto uno spaccato molto interessante di come, talvolta, tra le esigenze per far quadrare i conti del bilancio familiare, la ristrutturazione del bagno finisca all'ultimo posto.
I vincitori sono risultati essere Giulio Scarcioffolo e Virginia del Bianco, coppia residente a Verona, che aveva acquistato un appartamento degli anni '50 con l'intento di ristrutturarlo non appena fosse stato possibile. Giulio, senza esperienza nel settore, ma con grande passione e impegno, ha cominciato a mettere mano alla sua nuova casa, adottando soluzioni creative e portando gli impianti a norma anche grazie all'intervento di artigiani professionisti. Dopo aver superato la paura iniziale di essere giudicati per le condizioni del loro bagno, Giulio e Virginia hanno partecipato alla gara, postando le foto della stanza e raccontando la loro storia. Con l'aiuto di amici e parenti hanno condiviso tramite i canali social la loro partecipazione.
Giulio, padovano di nascita ma veronese di adozione, ha raccontato «È stato bello ritornare in contatto con vecchi amici e compagni, anche a dieci anni di distanza, per un motivo così strano. Ma è anche grazie ai loro voti che siamo riusciti ad arrivare alla finale dei peggiori 12».

È stata la giuria di Instapro a sancire i vincitori, la cui vita cambierà sicuramente in meglio grazie al premio in palio. «Questo premio ci aiuterà sul serio a stravolgere quel tugurio che noi chiamiamo bagno e che siamo costretti ad usare ogni giorno», ha detto la coppia veronese.

Gianmarco Sessa, Instapro Country Manager, ha concluso: «È stato davvero difficile selezionare il vincitore finale: tutti i partecipanti avevano delle storie emozionanti ed avremmo voluto ristrutturarli tutti quei bagni. Siamo convinti che scegliendo la foto di Giulio e Virginia e portando nella loro quotidianità un nuovo bagno, stiamo dando un piccolo contributo al futuro di una giovane coppia che come tante in Italia lavora sodo per guadagnare una vita migliore».

Visto il grande successo e la sorprendente partecipazione, il concorso «Bagno da Incubo» potrebbe essere replicato anche in futuro, per aiutare altre persone a rendere più bello uno spazio importante come il bagno. Inoltre, Instapro sta valutando di indire nuovi concorsi che riguardino anche altre zone della casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

Torna su
VeronaSera è in caricamento