rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Un concerto "da Oscar" in Gran Guardia per salutare l'anno nuovo

Nell’Auditorium, alle ore 16.30 di mercoledì 1° gennaio, verranno proposte colonne sonore di film premiate con il più ambito e prestigioso premio cinematografico ed anche arie e note liriche

Punta all’Oscar del gradimento il tradizionale concerto di Capodanno del 1° gennaio, aperto a tutta la cittadinanza.

Per festeggiare l’arrivo del 2020, quest’anno, infatti, sono state scelte tutte colonne sonore di film premiate con il più ambito e prestigioso premio cinematografico, molte delle quali a firma di compositori e musicisti italiani.

L’appuntamento, ad ingresso gratuito, è per mercoledì 1° gennaio alle 16.30 nell’Auditorium della Gran Guardia. Per permettere l’accesso ordinato e in sicurezza del pubblico, i cancelli del palazzo apriranno alle 16.

Non solo musiche tratte dai film. Il pomeriggio di spettacolo sarà allietato anche da arie e note liriche, grazie alla presenza sul palco di giovani cantanti lirici che proporranno alcune arie d’opera amate dal grande pubblico.

L’evento, che porta avanti l’intuizione del maestro Enrico De Mori con il primo concerto di Capodanno nel 1989, è promosso da Uisp (Unione Italiana Sport Per Tutti)- Comitato Territoriale Verona e Comune, con il sostegno delle associazioni Rete Anteas Verona e il Gabbiano d’Argento.

La rassegna musicale, curata dai maestri Francesco de Mori (figlio di Enrico) e Graziano Guandalini, sarà eseguita dall’Orchestra Old & New Melodies, con un repertorio di celebri brani del primo Novecento e della cinematografia internazionale, con pezzi d’autore come quelli composti da Ennio Morricone, Franco Micalizzi, Nino Rota, Carlos Gardel.
Alla conferenza di presentazione dell’evento invece erano presenti il presidente UISP Verona Simone Picelli, Augusto Gambaretto per Rete Anteas, i maestri Francesco De Mori e Graziano Guandalini, la presentatrice del concerto Grazia Marcon.

«Per tutti i cittadini che desiderano dare il benvenuto al nuovo anno con la musica, questa è l’occasione perfetta – spiega l’assessore alle Manifestazioni Filippo Rando -.Il concerto di capodanno è un appuntamento che negli anni ha riscosso un successo sempre maggiore, come dimostra l’affluenza del pubblico. L’anno scorso infatti i 750 posti a sedere dell’Auditorium sono stati appena sufficienti per tutti gli spettatori, testiamo il concerto di mercoledì ed, eventualmente, studieremo una soluzione di versa per l’anno a venire. E’ un modo davvero piacevole di stare insieme e fari gli auguri, sarebbe un peccato lasciare fuori qualche spettatore».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un concerto "da Oscar" in Gran Guardia per salutare l'anno nuovo

VeronaSera è in caricamento