rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Verona Smart City, entro giugno il bando per servizi innovativi. Buffolo: «Wifi pubblico esteso in centro e in tutti i musei»

«L’altra grande novità - ha inoltre specificato l'ass. all'innovazione del Comune di Verona Jacopo Buffolo - è il lavoro sull’aggiornamento e la sostituzione delle telecamere presenti sul territorio e la loro messa in rete»

«Verona sempre più smart, con il wi fi che arriva in tutti i musei cittadini e con l’ampliamento della rete a tutto il centro storico. A vantaggio dei turisti ma anche dei veronesi che possono rimanere connessi lungo tutta la passeggiata che da piazza Erbe arriva alla stazione di Porta Nuova e viceversa». Sono questi solo alcuni dei servizi innovativi previsti nel project financing presentato da Agsm-Aim Smart Solutions Srl, società del gruppo Agsm-Aim nata con l’obiettivo di gestire business innovativi e lo sviluppo di smart services ai territori. La proposta, secondo quanto riferito in una nota di Palazzo Barbieri, riguarda la manutenzione del sistema telematico di supporto al sistema informativo comunale e l’implementazione di nuovi servizi e investimenti in ambito Smart City, in linea con gli obiettivi strategici dell’amministrazione.

Dal Comune di Verona, infatti, viene spiegato che «con il Partenariato Pubblico Privato si riconducono sotto un unico contratto tutti i servizi legati alla connettività e alla videosorveglianza, garantendo così manutenzione, rinnovamento tecnologico omogeneo, oltre che coordinamento di un’ attività che ad oggi era particolarmente complessa e articolata, essendo in capo a soggetti diversi». È appunto questo il caso del sistema di videosorveglianza presente sul territorio comunale: «Migliaia di telecamere - evidenziano ancora dal Comune - saranno messe in rete, per un monitoraggio unificato che sarà utile anche per investimenti futuri in ambito di analisi dei dati e intelligenza artificiale. Oltre alla sostituzione dei dispositivi obsoleti, altre 25 nuovi punti di videosorveglianza saranno installati in diverse zone del territorio».

Quanto ai musei, da Palazzo Barbieri fanno sapere che rientrano nel processo di innovazione la Casa di Giulietta, Castelvecchio, Galleria d’Arte Moderna, Museo Lapidario Maffeiano, Museo Archeologico Teatro Romano, Museo di Storia Naturale, Tomba di Giulietta. I dettagli della proposta sono stati presentati oggi, martedì 23 maggio, dall’assessore all’innovazione tecnologica Jacopo Buffolo, insieme a Barbara Biondani e Gabriele Colombo di Agsm Aim Smart Solution. Presente anche la dirigente del settore ICT e trasformazione digitale Barbara Lavanda.

«La giunta ha dichiarato la fattibilità e il pubblico interesse della proposta di finanza di progetto presentata da Agsm Aim Smart Solution per potenziare e rinnovare il sistema informativo comunale - ha detto l'ass. Buffolo -. I punti di innovazione riguardano anzitutto il wi fi pubblico, che viene esteso nei punti del centro storico attualmente non coperti e viene portato in tutti i musei cittadini. Un’opportunità questa per ripensare e immaginare gli spazi museali grazie alle nuove infrastrutture. L’altra grande novità - ha poi specificato l'ass. Buffolo - è il lavoro sull’aggiornamento e la sostituzione delle video telecamere presenti sul territorio e la loro messa in rete. Si va quindi verso l’efficientamento e la capacità di usare questi strumenti su diversi campi, anche in prospettiva delle sfide che saremo chiamati ad affrontare da qui ai prossimi anni, una su tutte l’utilizzo dell’intelligenza artificiale».

Barbara Biondani di Agsm Aim Smart Solution ha quindi aggiunto: «Rispondiamo alla mission aziendale di realizzare investimenti con una visione a lungo termine nell’ottica di migliorare la qualità della vita di veronesi e turisti . La nostra ambizione è quella di continuare a svolgere un ruolo strategico per favorire, con sistemi e soluzioni all’avanguardia, il processo di transizione ecologica ed energetica».

Gabriele Colombo, a sua volta, ha poi aggiunto: «Il progetto prevede che vengano garantiti i servizi che già oggi la società presta al Comune, ai quali si aggiungono investimenti innovativi quali la copertura del centro storico con sistemi Wi-Fi, nuove reti wireless a servizio dei musei cittadini con copertura totale delle aree espositive e di cortili interni, connettività delle piazze e realizzazione di 25 nuovi punti di videosorveglianza e aggiornamento e fornitura di un nuovo software all’avanguardia per l’analisi video». La dirigente del settore ICT e trasformazione digitale, Barbara Lavanda, ha infine dato qualche informazione in più sulla tempistica: «Entro fine giugno uscirà il bando di gara relativo al project, contiamo di arrivare con il contratto attivo al 1° gennaio 2024, se non prima».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona Smart City, entro giugno il bando per servizi innovativi. Buffolo: «Wifi pubblico esteso in centro e in tutti i musei»

VeronaSera è in caricamento