Sboarina chiede a Conte il rimborso delle rette di scuole per l'infanzia e nidi

Il Comune di Verona ha chiesto al Governo un contributo pari a quanto dovrà ridare ai genitori, per rimborsare un servizio che non è stato possibile erogare

Immagine generica

Una lettera, indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, per chiedere formalmente al governo il rimborso delle rette che il Comune restituirà alle famiglie, causa chiusura dei servizi educativi per l’infanzia.

A firmarla il sindaco Federico Sboarina che, vista l’impossibilità di aprire le scuole materne comunali a causa dell’emergenza sanitaria, chiede allo Stato un contributo pari a quanto dovrà ridare ai genitori, per rimborsare un servizio che non è stato possibile erogare. Complessivamente, tenendo conto che gli asili sono chiusi dal 24 febbraio e fino alla conclusione dell’anno scolastico, il contributo che il Comune chiede al governo è pari a 4 milioni e 100 mila euro.
Nello specifico, si fa notare nella missiva, il susseguirsi di provvedimenti del governo, che hanno prorogato di settimana in settimana la chiusura dei servizi educativi, ha lasciato il Comune nell’incertezza e, allo stesso tempo, ha imposto di mantenere attiva la struttura in vista di una possibile ripartenza in tempi rapidi. Questo avrebbe determinato costi interamente a carico del Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In un momento delicato come quello che stiamo affrontando, – afferma l’assessore all’Istruzione Stefano Bertacco – la priorità dell’Amministrazione è stata quella di aiutare le famiglie. Lo abbiamo dichiarato da subito che sulle rette avremmo fatto i rimborsi e infatti avverrà a fine anno scolastico. Abbiamo deciso di restituire le rette già versate, in virtù di un servizio che non era possibile assicurare a causa delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria. Per questo chiediamo al governo di sostenerci per essere a nostra volta rimborsati, tenendo conto delle spese che abbiamo già sopportato pur a fronte di rette che non è stato possibile richiedere o che restituiamo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento