Attualità Centro storico / Piazza Bra

Una commissione di esperti per valutare le nuove opere per Verona

Il "team" è composto da esperti di archeologia e arte contemporanea, architetti e docenti universitari, che dovranno stimare le richieste di posizionamento di nuove opere in città, che arrivano da scultori, associazioni o gruppi di cittadini

La presentazione della commissione

Esperti di archeologia e arte contemporanea, architetti e docenti universitari, sono queste le professionalità che compongono la nuova commissione per la valutazione artistica di sculture e monumenti. Numerose sono infatti le richieste di posizionamento di nuove opere in città, che arrivano da scultori, associazioni o gruppi di cittadini. Proposte che ora la commissione valuterà, esaminandone il livello estetico e artistico. Duplice l’obiettivo: tutelare il centro storico di Verona, patrimonio mondiale dell’Unesco, e valorizzare i quartieri con nuove installazioni.

Sono sette i membri nella nuova commissione. Nello specifico, la direttrice del sistema museale integrato di Verona Francesca Rossi, la curatrice delle collezioni d'Arte Moderna e Contemporanea della Gam Patrizia Nuzzo, la dirigente dell’unità di Archeologia Didattica dei musei veronesi Margherita Bolla, l’architetto e specialista della gestione dell’arredo urbano Francesca Farinelli, il docente di Museologia e critica artistica e del restauro dell’Università di Verona Valerio Terraroli e la docente di Architettura dell’Università di Firenze Mariagrazia Eccheli, oltre alla geometra Stefania Bissoli, con funzione di segretaria.

La nuova commissione è stata presentata giovedì mattina, in sala Arazzi, dagli assessori all’Arredo Urbano Francesca Toffali e alla Cultura Francesca Briani.

«Esisteva già una commissione preposta – ha detto Toffali – ma era composta unicamente da personale del Comune. Abbiamo voluto, invece, coinvolgere anche esperti esterni, proprio perché il posizionamento di elementi artistici deve essere condiviso e motivato, non può essere il frutto di scelte soggettive. Abbiamo già ricevuto diverse richieste di posizionamento di nuove statue e opere, che la commissione valuterà caso per caso».

«Questo nuovo organismo vanta la presenza di personalità di spicco del mondo artistico e culturale - ha aggiunto Briani -, persone scientificamente qualificate che valuteranno con cura e attenzione le richieste che perverranno, lasciando comunque l’ultima parola all’amministrazione. L’obiettivo è quello di tutelare il nostro patrimonio storico-artistico, anche attraverso il supporto di esperti, e allo stesso tempo rigenerare i quartieri valorizzandoli con opere di qualità».

Per la valutazione di ogni richiesta, la commissione adotterà alcune linee guida. Tra queste, il privilegiare opere di artisti riconosciuti e di respiro internazionale, in grado di esprimere contenuti di rilevante interesse culturale e una originale interpretazione dei linguaggi artistici contemporanei; evitare la collocazione permanente di nuove statue e monumenti nelle vicinanze di testimonianze artistiche di epoche differenti; escludere opere e monumenti basati su interpretazioni o immagini stereotipate e celebrative della città di Verona, della sua storia, del suo patrimonio culturale e dei suoi simboli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una commissione di esperti per valutare le nuove opere per Verona

VeronaSera è in caricamento