«Si soffoca», manifestazione contro i tir allo scalo merci di Porta Nuova

Ad organizzare la protesta è stato il comitato di Verona Sud. «Si prevedono almeno 40 camion al giorno da 108 tonnellate, in una viabilità già satura dal traffico giornaliero»

L'ingresso dell'ex scalo merci, davanti al quale ha manifestato il comitato (Foto Gmaps)

Lunedì prossimo, 20 gennaio, scadrà il bando di affitto per due anni di un'area di 60mila metri quadrati all'interno dello scalo merci della stazione di Verona Porta Nuova. Il bando è stato pubblicato da Mercitalia Logistica, una società del gruppo di Ferrovie dello Stato, la quale potrebbe trarre guadagno da un'attività di logistica che potrebbe movimentare circa 200mila tonnellate di prodotti siderurgici.

La contrarietà a questa prospettiva è stata espressa da consiglieri comunali e regionali ed oggi, 18 gennaio, anche dal comitato di Verona Sud che, nonostante la pioggia, ha manifestato davanti allo scalo merci. Il comitato si è da sempre battuto per la trasformazione dello scalo in un grande parco pubblico, proposta appoggiata anche dall'attuale amministrazione che ha usato il nome «Central Park» per ribattezzare il progetto. Però del «Central Park» non si vede neanche un filo d'erba, mentre si potrebbero vedere file di camion fare avanti e indietro allo scalo ferroviario. «Nei nostri quartieri di Verona Sud circoleranno almeno 40 tir al giorno da 108 tonnellate, in una viabilità già satura dal traffico giornaliero - scrivono dal comitato - Siamo allarmati perché questo comporterà il degrado del manto e dei sottoservizi stradali, l'aumento del pericolo per pedoni e ciclisti e soprattutto per un aumento di inquinamento acustico e atmosferico a danno della nostra salute».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sugli striscioni dei manifestanti di oggi si poteva legge «Qui si soffoca» e anche un più eloquente «Dal promesso grande parco al ritorno dei tir». Messaggi rivolti al Comune di Verona a cui si chiede di «non permettere il transito dei mezzi pesanti in una zona già penalizzata dal punto di vista ambientale, considerando che un tir inquina come 60 auto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento