Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità Borgo Roma / Viale del Piave

Lettera del Comitato Verona Sud: «Tir nei quartieri non sono più accettabili»

Torna il traffico pesante allo scalo merci di Verona Porta Nuova. «Perché non si è pensato ad altra soluzione?», si chiede il comitato. E Fratelli d'Italia dalle circoscrizioni aggiunge: «Arduo uscire dalle Golosine. Viale Piave e Via Albere saranno congestionate»

Nel gennaio 2020, il Comitato Verona Sud aveva manifestato davanti all'ingresso dello scalo merci di Verona Porta Nuova contro l'arrivo dei tir e dei camion che avrebbero movimentato quanto caricato e scaricato alla stazione ferroviaria. Da domani, 26 aprile, i mezzi pesanti torneranno e il comitato si è fatto sentire con una lettera aperta a Comune e circoscrizioni di Verona.

A segnalare il ritorno del traffico pesante allo scalo di Verona Porta Nuova è stato il consigliere regionale Stefano Valdegamberi, il quale aveva punzecchiato Partito Democratico e comitati. Ma al Comitato Verona Sud «non interessano le beghe partitiche» e nella lettera ha ribadito «che i tir nei quartieri non sono più accettabili».

«Inquinamento alle stelle, mancanza di vivibilità, contingenti e gravi pericoli per l’incolumità di ciclisti e motociclisti nel condividere le strette e trafficate strade con invasivi tir, rendono oggettivamente non accettabile il silenzio dell'amministrazione su questo ennesimo inopportuno capitolo di una lunga storia che dovrebbe viceversa indirizzarsi definitivamente verso la totale trasformazione dell'ex scalo merci in un vero grande polmone verde per la città», scrive il Comitato Verona Sud, che ha sempre sostenuto il progetto di trasformazione dello scalo in un parco pubblico. Il cosiddetto "Central Park" di Verona o Parco Arena.

«Ci si chiede - conclude il Comitato Verona Sud - come, per la salute e l’incolumità dei cittadini dei quartieri di Santa Lucia, Golosine, Borgo Roma, si trovi tollerabile un nuovo attrattore di traffico pesante sulla già congestionata Verona Sud, in un momento in cui il traffico impazzirà per i provvedimenti viabilistici imposti dai lavori del filobus. Questa amministrazione chiede ai cittadini di limitare l’uso della propria auto, ma al contempo non vieta l'arrivo dei tir? Perché non si è pensato ad altra soluzione?».

E dalla quarta e quinta circoscrizione, i consiglieri di Fratelli d'Italia Christian Galletta, Veronica Perazzolo, Marco Bontempo e Luca Lorenzi hanno aggiunto: «I privati hanno il diritto di occupare l'area come meglio credono, ma ciò che ci lascia basiti è che anche i comitati guardano il dito e non la luna. Concordiamo con loro che l'amministrazione poteva e doveva intervenire e come sempre detto e constatato con sano pragmatismo, alcuni temi vanno seguiti ed affrontati guardando il lungo periodo. Risulta arduo uscire dalle Golosine a causa di code insostenibili, Via Albere sarà congestionata fino a Porta Palio e idem Viale Piave».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera del Comitato Verona Sud: «Tir nei quartieri non sono più accettabili»
VeronaSera è in caricamento