rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Verona ottava in Italia per qualità della vita grazie a ricchezza, consumi, affari e lavoro

Nella classifica de Il Sole 24 Ore, la provincia scaligera è quella meglio posizionata tra i territori del Veneto, spinta in alto dagli indicatori in ambito economico, ma penalizzata nella categoria ambiente e servizi

La qualità della vita in provincia di Verona è da ottavo posto in Italia. Lo aveva mostrato la classifica pubblicata a metà novembre da ItaliaOggi. Lo conferma la 32esima edizione della classifica sulla qualità della vita pubblicata oggi, 13 dicembre, su Il Sole 24 Ore. In entrambe le graduatore la provincia scaligera è ottava, perde posizioni rispetto all'anno precedente ed è la prima tra i territori del Veneto.

In Italia, la provincia dove si vive meglio per Il Sole 24 Ore è Trieste. La peggiore è Crotone. Ai primi dieci posti ci sono solo territori del Nord Italia ed in particolare il Nordest sembra essere la zona più vivibile del Paese.

Per realizzare questa classifica, sono stati presi in considerazione 90 indicatori, suddivisi a gruppi di 15 in sei categorie: ricchezza e consumi; affari e lavoro; ambiente e servizi; demografia e salute; giustizia e sicurezza; cultura e tempo libero.
La categoria dove Verona mostra le migliori performance è ricchezza e consumi (11esima in Italia), dove risulta nella top ten nazionale in quattro indicatori: spesa delle famiglie; prezzo medio di vendita delle case; canoni medi di locazione; tasso di ingresso in sofferenza sui prestiti bancari alle famiglie.
In affari e lavoro, Verona è 13esima in Italia ed è tra le province con meno giovani che non lavorano e non studiano (i cosiddetti neet), con maggiore densità di posti letto nelle strutture ricettive e con più home e corporate banking.
Pur senza spiccare in nessun parametro, è buono anche il 17esimo posto nella sezione demografia e salute.
Si fanno notare, invece, in negativo l'80esimo posto in Italia per rapine e l'83esimo negli esposti per l'inquinamento acustico. Ma nonostante questi due parametri, Verona è 20esima nella categoria giustizia e sicurezza.
In cultura e tempo libero, la provincia scaligera è 25esima, con una buona densità di verde storico e tanta popolazione impegnata in attività di formazione continua. Ma in questa categoria ci sono anche il 94esimo posto nell'indicatore delle librerie (troppo poche) e il 91esimo in sport e Covid, ovvero negli effetti negativi che il coronavirus ha avuto nei campionati.
Ambiente e servizi è l'ambito più penalizzante per Verona. Pessima la qualità dell'aria, alta la percentuale di affollamento degli istituti di pena, poche le farmacie rispetto al numero degli abitanti e da migliorare anche la raccolta differenziata nel capoluogo. Buona invece la spesa sociale dei Comuni e l'indice di smart city.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona ottava in Italia per qualità della vita grazie a ricchezza, consumi, affari e lavoro

VeronaSera è in caricamento