menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L’assessore alle Strade e Giardini Marco Padovani e il presidente della Settima Circoscrizione Marco Falavigna in sopralluogo

L’assessore alle Strade e Giardini Marco Padovani e il presidente della Settima Circoscrizione Marco Falavigna in sopralluogo

Dal Boschetto a San Martino, ora la ciclo-pedonale è a disposizione dei veronesi

Il tratto era sempre rimasto classificato come percorso di servizio del Genio Civile e il Comune di Verona dietro pagamento di un canone, ha chiesto di averlo in concessione

Verona ha una pista ciclo-pedonale in più. È il collegamento che unisce il Boschetto di lungadige Galtarossa a San Martino Buon Albergo, passando da Bosco Buri, e che, da 10 anni, è utilizzata da bici e pedoni ma senza autorizzazione. Il tratto era sempre rimasto classificato come percorso di servizio del Genio Civile, da venerdì, invece, è ufficialmente una pista ciclo-pedonale. Il Comune di Verona, dietro pagamento di un canone, ha chiesto di averlo in concessione. Si tratta, infatti, di 10 chilometri che tanti veronesi utilizzano per l’attività sportiva o per camminate fuori porta, ma data la situazione amministrativa non era soggetta ad alcuna manutenzione. Una piccola anomalia che è stata finalmente risolta, grazie alla risposta affermativa del Genio Civile, così nella mattinata del 17 luglio sono iniziati subito i lavori di pulizia e di sfalcio dell’erba.

In sopralluogo, a metà percorso, all’altezza di Villa Buri, l’assessore alle Strade e Giardini Marco Padovani e il presidente della Settima Circoscrizione Marco Falavigna.

«Abbiamo finalmente risolto una vecchia questione - ha spiegato Padovani -. È un risultato importante perché agli occhi degli utilizzatori sembrava che il Comune non provvedesse alla manutenzione, mentre di fatto non potevamo farlo. Ora, che finalmente ci è stato dato in concessione ad uso ludico-sportivo, potremo mantenere questo tratto pulito e in ordine, ma soprattutto diventa ufficialmente una pista ciclo-pedonale. La cura del verde sarà in carico al Comune che provvederà a tagliare l’erba e le piante sporgenti. Sono tantissimi i veronesi che fino a ieri utilizzavano questo collegamento senza sapere che, in realtà, non avevano l’autorizzazione per farlo».

«Un obiettivo del nostro mandato che abbiamo condiviso con tutto il consiglio di Circoscrizione – ha concluso Falavigna -. Ora finalmente anche questo percorso, già segnalato in tante mappe, potrà essere percorso in tutta sicurezza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento