Attualità

Ciclabile Porta Palio-Castelvecchio, per il Comune sarà pronta in un anno

Da Palazzo Barbieri fanno sapere che nelle prossime settimane si terrà la gara e poi l’appalto dei lavori, che inizieranno entro la prossima primavera: l'opera ha un costo complessivo di 178 mila euro

Immagine generica

È il tratto che manca per collegare tutta la terza circoscrizione al centro storico. Ma anche per mettere in sicurezza gli spostamenti di chi parcheggia fuori le mura e utilizza il bike sharing. Il nuovo collegamento ciclabile tra Porta Palio e Castelvecchio si farà a breve. Nelle prossime settimane, infatti, si terrà la gara e poi l’appalto dei lavori, che inizieranno entro la prossima primavera. La pista ciclopedonale sarà quindi pronta tra meno di un anno, secondo Palazzo Barbieri.
L’opera, che ha un costo di 178 mila euro, è stata finanziata per 60 mila euro dalla Regione Veneto e per i restanti 118 mila euro dal Comune.
Due gli stralci dei lavori, che riguardano un chilometro di ciclabile bidirezionale. Il primo da Porta Palio a via Carmelitani Scalzi. E il secondo fino all’inizio di via Roma, di fronte a Castelvecchio.

Partendo dalla stazione del bike sharing di Porta Palio, si sfrutterà l’attraversamento già presente, ridefinendo le isole pedonali attorno alla Porta. Dopodichè la pista salirà sul marciapiede dello stradone che, nel primo tratto, verrà allargato in modo da consentire il transito in sicurezza di bici e pedoni. Solo per qualche metro, perché poi la larghezza attuale consente la convivenza di chi circola a piedi e sulle due ruote. Una volta all’altezza di largo don Giuseppe Chiot, data la complessità dell’incrocio, verrà ridefinito l’intero impianto semaforico, tenendo conto di quelli che saranno i lavori del filobus e degli stalli di sosta presenti. La pista ciclopedonale proseguirà, sempre sullo stesso lato, a margine della carreggiata stradale e quindi a ridosso del marciapiede che verrà leggermente ristretto. Questo dall’altezza di vicolo Valle fino a via Roma.

Il progetto è stato presentato giovedì mattina, in sala Arazzi, dall’assessore comunale alla Viabilità Luca Zanotto insieme all’assessore regionale alle Infrastrutture Elisa De Berti.

«Grazie a questa nuova pista ciclabile, che si va ad aggiungere al tratto tra il Saval e San Zeno e alla ciclovia Adige-Sole, tutta la parte ovest della città sarà collegata con il centro storico – ha detto Zanotto -. Percorsi in sicurezza che potranno essere utilizzati da un bacino di utenza di circa 60 mila persone. Ringrazio pertanto la Regione per l’importante contributo che ci ha riconosciuto, fondi indispensabili per la realizzazione dell’opera».

«Negli ultimi anni in tutto il Veneto sono aumentate le ciclabili e sono stati sistemati numerosi percorsi urbani – ha spiegato De Berti -. Solo con quest’ultimo stanziamento, di quasi 2 milioni di euro, abbiamo finanziato opere in 13 comuni, tra cui Verona, dove c’è una particolare attenzione alla ciclabilità. Ringrazio Fiab per aver segnalato la necessità dell’opera e l’amministrazione comunale per aver dato seguito alle segnalazioni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclabile Porta Palio-Castelvecchio, per il Comune sarà pronta in un anno

VeronaSera è in caricamento