rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Veronese morta in Baviera, il fidanzato: «Non le avrei mai fatto del male»

Il popolare programma televisivo Chi l'ha visto? si è occupato della tragica fine di Lucia Raso, la 36enne deceduta dopo una caduta dalla finestra della camera del suo ragazzo Christian Treo

Nella puntata di ieri, 24 febbraio, il popolare programma televisivo di Rai 3 Chi l'ha visto? si è occupato dei dubbi che circondano il caso di Lucia Raso, la 36enne veronese deceduta in Baviera nella notte tra il 23 e 24 novembre dello scorso anno. Sulla morte della donna è stato aperto un fascicolo di indagine contro ignoti per scoprire se la vita di Lucia sia stata interrotta da un tragico incidente o se si tratti di un vero e proprio omicidio.

Nel servizio andato in onda ieri è stato ricostruita la vicenda e sono stati intervistati i genitori e la nonna di Lucia Raso, oltre al suo fidanzato Christian Treo. Lucia e Christian si erano conosciuti a Verona e tra loro era scoccata la scintilla. Lei lavorava in un negozio nel capoluogo, aveva qualche anno di più ed era più estroversa del compagno, che invece era pizzaiolo. Lui aveva trovato un impiego ed un alloggio in Germania e Lucia, in quel maledetto novembre, aveva preso il treno ed era andato a trovarlo. Qualche ora prima della sua morte, Lucia ha inviato un messaggio vocale ai genitori. Un messaggio come tanti altri, che purtroppo sarà l'ultimo ricevuto dal padre e dalla madre della donna. La 36enne, infatti, è deceduta cadendo dalla finestra della camera di Christian e sbattendo la testa sul marciapiede di Seligenthaler Strasse, a Landshut.
È sulla morte della donna che i genitori ed il fidanzato sono in disaccordo. Christian Treo, infatti, ha raccontato di essere entrato nella sua stanza e di avere visto Lucia con le mani e le ginocchia sul davanzale della finestra. La donna sarebbe scivolata e quindi il suo decesso sarebbe stato soltanto uno sfortunato incidente. La versione di Christian, però, non convince fino in fondo la nonna ed i genitori della 36enne veronese, i quali hanno saputo della tragedia dopo quasi un giorno. «Io, più di raccontare cosa è successo, non saprei cosa fare - ha detto Christian Treo a Chi l'ha visto? - Non ho paura di niente, perché io c'ero e l'ho vissuto. Non avrei mai fatto del male a Lucia e mi dispiace di non aver potuto avvisare subito i suoi genitori».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Veronese morta in Baviera, il fidanzato: «Non le avrei mai fatto del male»

VeronaSera è in caricamento