Lo "chef" prepara il piatto alla mensa scolastica e il menù lo controlli online

«Spesso i genitori sono preoccupati di cosa mangiano i loro figli a scuola: con questo portale li mettiamo a conoscenza di ogni aspetto alimentare del pranzo dei bambini, tenendo conto anche di potenziali allergeni»

Immagine generica

È stato denominata “Cosa mangia oggi il tuo bimbo?” ed è la nuova piattaforma che permette di essere informati, in tempo reale, dei menù offerti nelle mense scolastiche gestite da Agec. Facile l’accesso, direttamente dal sito di Agec cliccando su “Portale refezione scolastica”, e immediata la consultazione: basta scegliere l’istituto frequentato dal bambino per poter conoscere le pietanze proposte, la scheda dettagliata degli ingredienti, gli allergeni, le modalità di preparazione e i valori nutrizionali di ogni piatto.

Passa anche dalla volontà di assicurare alle famiglie la massima trasparenza, il percorso di innalzamento della qualità, nelle mense scolastiche comunali, intrapreso da Agec. Il progetto, che si chiama “Un anno di Qualità”, è stato presentato, venerdì mattina a palazzo Barbieri, dall’assessore all’Istruzione Stefano Bertacco e dal presidente di Agec Roberto Niccolai.

«La piattaforma – ha detto Bertacco – è stata pensata e creata per essere più vicini alle famiglie. Spesso i genitori sono preoccupati di cosa mangiano i loro figli a scuola: con questo portale li mettiamo a conoscenza di ogni aspetto alimentare del pranzo dei bambini, tenendo conto anche di potenziali allergeni. Si tratta di un progetto che si inserisce in un più ampio percorso di innalzamento della qualità del servizio di ristorazione. I pasti, preparati da Agec per i bambini, ad esempio, fanno parte di menù attentamente studiati e bilanciati dal punto di vista nutrizionale, mentre i 58 cuochi responsabili della ristorazione scolastica hanno concluso recentemente un corso di alta formazione teorica e pratica».

Durante il periodo scolastico, circa 12 mila bambini, ogni giorno, usufruiscono del servizio mensa di Agec. Almeno il 15% si avvale delle cosiddette “diete speciali” a causa di allergie o per ragioni etico-religiose. Complessivamente Agec prepara 2,5 milioni di pasti ogni anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Poniamo massima attenzione nei confronti dei più piccoli, per assicurare loro una crescita ottimale – ha detto il presidente Niccolai -. Abbiamo l’ambizione di migliorare continuamente la qualità del nostro servizio di refezione. Un percorso che coinvolge anche i genitori: per questo, all’inizio del prossimo anno scolastico, distribuiremo alle famiglie una piccola guida all’educazione nutrizionale per fare in modo che quanto appreso a scuola, durante l’ora del pranzo, continui anche a casa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento