Attualità

«Centrodestra veronese indispettito da Fedez? Voti la revoca delle mozioni "omofobe"»

Federico Benini, capogruppo in Consiglio comunale a Verona per il Partito Democratico, e di Michele Bertucco, capogruppo di Verona in Comune e Sinistra in Comune, tornano alla carica sulla questione delle mozioni votate nel 1995

A sinistra Federico Benini e a destra Michele Bertucco, in una foto di repertorio relativa alla richiesta di revoca delle mozioni del 1995

«Zelger e il centrodestra si mostrano sempre indispettiti quando qualcuno riporta le loro orribili parole omofobe, ma si guardano bene dal smentirle, sebbene esse continuino a marchiare con il marchio dell’infamia l’intera città di Verona che quando si parla di omofobia viene sempre tirata in ballo». Sono parole di Federico Benini, capogruppo in Consiglio comunale a Verona per il Partito Democratico, e di Michele Bertucco, capogruppo di Verona in Comune e Sinistra in Comune, in relazione a quanto detto da Fedez sul palco del Primo maggio, in diretta sulla Rai

Il rapper milanese infatti si è schierato a difesa del Ddl Zan, mettendo nel mirino la Lega e le uscite di alcuni suoi esponenti, tra cui quella del consigliere Alberto Zelger, spesso al centro del dibattito su questo tipo di questioni. La frase incriminata citata da Fedez è risalente al 2018, quando alla Zanzara di Radio24, Cruciani chiese come considerasse le unioni civili tra omossessuali, sentendosi rispondere dal politico veronese: «Sono una sciagura per la riproduzione e la conservazione della specie». 
Sulle colonne de L'Arena, Zelger risponde che la frase è stata strappata al suo contesto, frutto «di un "tranello" di cui lo stesso Cruciani si è scusato personalmente». Così facendo, secondo il consigliere, tutti possono passare per delinquenti e in sua difesa è intervenuto anche Vito Comencini, deputato della Lega, che ha definito «Roba vecchia» le parole citate. 

Mentre dunque la polemica infuria sul piano nazionale, anche a Verona la discussione torna ad accendersi, in particolare sulle oramai famose mozioni approvate nel 1995, definite dalla nota congiunta di Benini e Bertucco «le “madri” di tutta l’omofobia istituzionale scaligera». 
«Se è cambiato qualcosa nel loro modo di pensare - proseguono Benini e Bertucco -, visto e considerato che anche Salvini si è pronunciato per il “diritto di amare”, specificando di essere contro l’utero in affitto che in questa vicenda non c’entra un tubo, invitiamo il centrodestra veronese a convergere sul nostro ordine del giorno del 2018, solo recentemente calendarizzato per la discussione in consiglio comunale, e in coda da ormai quattro sedute, per la revoca delle mozioni omofobe del 1995. Le madri di tutta l’omofobia istituzionale veronese.
Le mozioni in questione fanno divieto alla giunta comunale di deliberare “provvedimenti che parifichino i diritti delle coppie omosessuali a quelli delle famiglie naturali costituite da un uomo e una donna”. Ciò in aperto in contrasto con la Legge 76 del 20 maggio 2016, meglio nota come Legge Cirinnà, la quale stabilisce senza possibilità di equivoco che “all’interno di leggi, regolamenti e atti amministrativi” ed ovunque ricorrano le parole “coniuge” oppure “coniugi”, ovvero termini equivalenti, le disposizioni relative si applicano anche ai contraenti di unione civile, dunque anche alle unioni tra persone dello stesso sesso.
Gli indirizzi contenuti nelle mozioni del 1995 sono quindi d’intralcio alla effettiva applicazione dei diritti e doveri previsti dalla Cirinnà. Con questo ordine del giorno chiediamo al Consiglio comunale di prenderne atto e di provvedere di conseguenza a rimuovere, come prevede la Costituzione, gli ostacoli alla parità delle persone difronte alla Legge.
Togliamoci dai piedi ogni genere di alibi ideologico: la Legge in vigore specifica che la “parificazione” tra coniugi e contraenti di unione civile serve “al solo fine di assicurare l’effettività della tutela dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi derivanti dall’unione civile”. Dunque non chiediamo ai Consiglieri di esprimersi sulla parificazione tra unioni civili e matrimonio, che non è tema nemmeno della legge Cirinnà, ma soltanto di assicurare la rimozione di un evidente ostacolo alla corretta applicazione della legge».

Ordine del giorno - Ottobre 2018 - Revoca mozione omofoba

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Centrodestra veronese indispettito da Fedez? Voti la revoca delle mozioni "omofobe"»

VeronaSera è in caricamento