Megastore a Lepia di Lavagno, San Martino Buon Albergo è contrario

Osservazioni negative dall'amministrazione comunale sanmartinese in vista della convocazione del comitato tecnico per la valutazione dell'impatto ambientale

Franco Giacomo De Santi, sindaco di San Martino Buon Albergo (Foto siti Comune di San Martino Buon Albergo)

Dovrebbe chiamarsi Parco Commerciale Scaligero ed è un centro commerciale che potrebbe essere costruito in zona Lepia a Lavagno, vicino all'IperTosano. La proposta è avanzata dalla ditta Trapper che vorrebbe edificare il centro commerciale in un'area di circa 14mila metri quadrati, parcheggi compresi.
Il progetto deve ricevere l'approvazione della Via (valutazione di impatto ambientale), del cui comitato tecnico non faranno parte solo i rappresentanti del Comune di Lavagno, ma anche quelli dei Comuni di Colognola ai Colli, Belfiore, Caldiero e San Martino Buon Albergo. I territori comunali vicini a Lavagno, infatti, sono coinvolti perché la realizzazione di un nuovo centro commerciale avrà un sicuro impatto sulla viabilità anche nei comuni limitrofi.

E proprio in vista della riunione del comitato tecnico della Via, il Comune di San Martino Buon Albergo ha anticipato la propria contrarietà

Un megastore di quelle dimensioni e di tale impatto in zona Lepia graverebbe innanzitutto sulla viabilità, già compromessa da altre attività in zona - ha dichiarato il sindaco di San Martino Buon Albergo Franco Giacomo De Santi - In determinate ore del giorno i problemi causati dalla scarsa viabilità si rifletterebbero ulteriormente sul nostro comune, sia sulla strada Porciliana che su via Nazionale. A questo si aggiungono il fattore ecoambientale, che renderebbe la situazione di fatto invivibile e la ricaduta negativa sui negozi di vicinato che svuoterebbe il territorio di relazione, azzerando rapporti che fanno parte del tessuto sociale, nati e cresciuti nel tempo, in molti casi di generazione in generazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento