Capienza aule al 50%, posti su prenotazione tramite App e mascherine: riparte l'università

Ripartono il 21 settembre le attività didattiche in presenza dell'ateneo scaligero, disponibile l’app "Univr Lezioni" per prenotare il posto in aula. Tutte le lezioni anche in versione online

Università - immagine d'archivio

Il 21 settembre gli spazi dell’Università di Verona sono pronti ad accogliere studentesse e studenti in sicurezza. Per garantire il rispetto del distanziamento, la capienza delle aule sarà al 50 per cento ed è ora disponibile per IOS e Android l’app Univr Lezioni che permette di attribuire un posto numerato in ogni aula. La mascherina dovrà essere indossata appena si entra all’interno dei luoghi universitari ed è prevista la sanificazione delle mani agli ingressi delle aule e negli spazi comuni. Tutte le lezioni saranno comunque proposte anche online, per andare il più possibile incontro alle necessità delle iscritte e degli iscritti.

Sarà possibile scegliere la lezione che si vuole frequentare a partire da 5 giorni prima dello svolgimento della lezione. Il sistema terrà conto della capienza nominale dell’aula, ridotta al 50 per cento, del numero massimo di ore prenotabili a settimana e per singolo insegnamento nel semestre. In caso di posti ancora disponibili, resta la possibilità di prenotarsi anche nelle 12 ore prima della lezione.

Particolare attenzione è rivolta alle matricole che potranno frequentare in presenza. A tutte le studentesse e agli studenti al primo anno è stato, infatti, garantito un posto numerato in aula, che potranno scegliere in anticipo attraverso una app dedicata che servirà anche per gli eventuali controlli richiesti dalle norme anti-Covid. Questo per facilitare il loro primo accesso al mondo universitario, una nuova realtà scolastica che prevede un’organizzazione dei tempi e delle modalità di studio molto diversi da quelli dalle scuole secondarie di secondo grado.

Garantito il 100 per cento dei posti anche per i corsi di laurea magistrale, per i quali il contenuto della didattica ha maggiore complessità. Inoltre, i numeri più contenuti degli iscritti alle magistrali, consentono una maggiore flessibilità. Per gli iscritti al secondo e terzo anno dei corsi di studi triennali, l’ateneo in mancanza di spazi in aula per tutti ha dovuto purtroppo operare una scelta differenziata a seconda della numerosità dei corsi di studio  riuscendo garantire un rientro in presenza per circa il 60% degli insegnamenti d’aula e per tutte le attività esercitative. Questo per garantire alle studentesse e agli studenti la massima sicurezza nell’accesso agli spazi universitari.

L’app di prenotazione verrà anche usata per i corsi a scelta ed i corsi liberi. Questo perché essendo corsi elettivi è impossibile prevedere quante persone si potrebbero presentare in aula. L’Ateneo, inoltre, intende promuovere lo scaricamento volontario della app Immuni, uno strumento in più per gestire le possibili situazioni di difficoltà che si potrebbero presentare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Il Veneto dal 16 gennaio è la Regione più a rischio zona rossa con il prossimo Dpcm

  • La zona arancione che in Veneto durerà almeno fino al 15 gennaio spiegata semplice

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Rt del Veneto «sfiora» il valore 1, ma la Regione finisce comunque in zona arancione, perché?

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento