Covid-19, test sierologici in Piazza Cittadella. Anche il sindaco lo fa

Si è conclusa con la tappa di Verona la campagna di sensibilizzazione realizzata da Banca Asti insieme a Fondo Assistenza e Benessere - Società di Mutuo Soccorso con il camper «Salutissima»

Il sindaco di Verona Federico Sboarina mentre svolge il test sierologico

Si è conclusa con la tappa di Verona la campagna di sensibilizzazione per la ricerca degli anticorpi Covid-19 realizzata da Banca Asti insieme a Fondo Assistenza e Benessere - Società di Mutuo Soccorso. Questa mattina, 28 luglio, dopo aver girato nei mesi scorsi per tutto il Nord Italia, il camper «Salutissima» ha fatto la sua ultima sosta in Piazza Cittadella, a disposizione dei clienti e dei cittadini interessati a sottoporsi al test.
Anche il sindaco Federico Sboarina, che dall'inizio dell'emergenza non ha mai smesso di sottolineare l'importanza della prevenzione per sconfiggere il virus e l'utilità degli strumenti diagnostici, ha partecipato insieme al presidente della commissione consiliare sport Stefano Bianchini. Entrambi si sono sottoposti al test con prelievo di sangue.

camper_cittadella_salutissima-2
(Il camper in Piazza Cittadella)

«Un'iniziativa importante dal punto di vista pratico perché è uno strumento in più per monitorare la popolazione - ha affermato il sindaco Sboarina - Ma è importante soprattutto perché sensibilizza i cittadini sul tema fondamentale della salute. Abbiamo superato il momento critico del contagio ma come dimostrano i dati dell’ultimo periodo, sia italiani che mondiali, questo nemico invisibile non è ancora stato sconfitto. Non ne siamo ancora usciti del tutto e l'appello a tutti i cittadini rimane quindi sempre lo stesso. Non rinunciamo alla nostra libertà e alla nostra vita, ma sappiamo di doverlo fare con un uno stile di vita che ci impone regole in più, da rispettare se non vogliamo tornare indietro e vanificare i sacrifici fatti per arrivare a quanto conquistato fino ad oggi. La nostra salute è un bene prezioso, tutelata in ogni modo dalle istituzioni, ma altrettanto deve esserlo dal senso di responsabilità di ogni singolo cittadino, con azioni come queste».
«Bastano pochi secondi per fare del bene a se stessi e tutelare chi ci sta intorno - ha aggiunto il consigliere Bianchini - Penso al mondo dello sport, dove lo stare insieme e condividere spazi è pressochè normale. I protocolli da rispettare ci sono e sono molto rigidi, il test sierologico rappresenta tuttavia uno strumento che dà certezza della presenza o meno degli anticorpi Covid-19, e di conseguenza sulla salute degli sportivi e delle società a cui appartengono».

L'iniziativa di prevenzione, pensata per i clienti delle filiali di Banca di Asti ma estesa anche ai non clienti con agevolazioni particolari per gli over 65 anni, è stata realizzata con il prelievo di sangue venoso effettuato a bordo del camper da personale sanitario. Il tutto è effettuato nel rispetto più totale della privacy: l'esito del test viene inviato successivamente al cittadino via e-mail o raccomandata, accompagnato da una relazione redatta dall'infettivologo e, in caso di positività, da una lettera per il medico curante.

In Piazza Cittadella il sindaco è stato accolto dal direttore della filiale di Verona di Banca di Asti Francesco Pozzani e dal capoarea del Nordest Massimo Vagrotelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

Torna su
VeronaSera è in caricamento