Comune di Verona. Ci sono ancora 2 giorni per richiedere i buoni spesa

È stato fissato al 30 aprile il termine per la presentazione delle domande da parte dei cittadini che hanno i requisiti necessari per beneficiare del contributo

Immagine generica

Ci sono altri due giorni di tempo per richiedere i buoni spesa a favore delle nuove categorie di cittadini messi in difficoltà dall’emergenza sanitaria.
La giunta comunale di Verona ha infatti fissato al 30 aprile il termine per la presentazione delle domande da parte dei cittadini che hanno i requisiti necessari per beneficiare del contributo.
Il termine è ritenuto opportuno per permettere agli uffici dei Servizi sociali di proseguire il complesso lavoro di accettazione delle numerose domande ancora in fase di valutazione, considerato che i buoni spesa, una volta assegnati, devono essere utilizzati entro il 31 maggio.

Dal 7 aprile sono centinaia le domande arrivate attraverso mail agli uffici preposti. Alla data del 21 aprile, le richieste accolte sono state 824, per circa 20 mila buoni assegnati, di 20 euro ciascuno. Per un valore totale di 412 mila euro.

Con riferimento sempre al 21 aprile, sono 250 le domande respinte, mentre altre 200 sono state sospese perché rispondono solo in parte ai requisiti richiesti e verranno riesaminate una volta definite le domande con istruttoria favorevole. Inoltre, molte mail devono ancora essere prese in esame, anche in considerazione del fatto che spesso le domande sono incomplete e si rende necessario richiamare l'utente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«C'è ancora molto lavoro da fare per dare seguito a tutte le richieste che continuano ad arrivare nei nostri uffici – spiega l'assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco -. Per questo abbiamo deciso di fissare un termine per la presentazione dei documenti; ciò permette infatti agli operatori di terminare le istruttorie in anticipo rispetto al 31 maggio, data di scadenza dei buoni spesa, e far in modo che le famiglie beneficiarie ne usufruiscano in tempo. La verifica dei requisiti è un passaggio fondamentale, che richiede molta attenzione e talvolta più passaggi telefonici con gli utenti, per evitare che qualcuno possa approfittarsi del disagio altrui. Sono già più di 20 mila i buoni spesa consegnati, si tratta di un intervento aggiuntivo, che va a coprire nuove situazioni di difficoltà e disagio derivate dalla crisi epidemiologica ancora in atto, un'emergenza che, purtroppo, non è solo sanitaria ma anche economica. Ad oggi, nessun cittadino in difficoltà è rimasto senza il sostegno del Comune – aggiunge l'assessore -, grazie anche ad una macchina del volontariato presente sul territorio che non ha eguali in tutta la Regione». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento