Attualità Valverde / Via Gian Matteo Giberti, 11

Boom di tamponi rapidi nelle farmacie veronesi e continuano a crescere anche le prenotazioni gratuite per i vaccini

«Siamo contenti di sostenere la campagna vaccinale che rappresenta l’unica vera barriera farmacologica alla libera diffusione del contagio», spiega la presidente di Federfarma Verona Elena Vecchioni

Sono state esattamente 28.252 le prenotazioni gratuite degli appuntamenti per le vaccinazioni contro il Covid-19 inserite a sistema in due mesi dalle farmacie di Verona e provincia, servizio rivolto soprattutto, ma non solo, alle persone che non hanno dimestichezza con la tecnologia digitale (Protocollo regionale tra Regione Veneto, Federfarma e Assofarm del 30 marzo 2021). In aprile, secondo i dati forniti dall’Azienda Zero, le prenotazioni presso le farmacie veronesi sono state 10.297 (in media 40 prenotazioni per farmacia), mentre a maggio il numero è salito a 17.955 (in media 69 a farmacia).

Sul fronte dei test antigenici rapidi si prevede un mese di giugno particolarmente intenso poiché nell’arco di sole due settimane (ultimo dato ufficiale dell’Azienda Zero) nelle 129 farmacie attive al servizio, ne erano già stati effettuati 11.878 (contro i 18.198 nell’intero mese di maggio) con un numero di positivi intercettati che sale a 2.409 dall’inizio dell’anno (42 positivi sempre nella prima quindicina di giugno).

«Continua ad incrementarsi la richiesta dei cittadini in merito alle prenotazioni gratuite in farmacia delle vaccinazioni eseguite successivamente presso gli hub dall’Azienda Ulss 9 Scaligera - spiega Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona –. All’inizio, quando in aprile è stato attivato il servizio, erano soprattutto le persone anziane ad usufruirne, mentre con il tempo le richieste sono gradatamente giunte da tutte le fasce della popolazione. Siamo contenti di sostenere la campagna vaccinale che rappresenta l’unica vera barriera farmacologica alla libera diffusione del contagio e la farmacia grazie alla sua capillarità è un front office sanitario a cui la popolazione riconosce professionalità e praticità di accesso».

La stessa presidente di Federfarma Verona Elena Vecchioni poi aggiunge: «Per quanto riguarda i tamponi rapidi a importo calmierato, il forte aumento nelle prime due settimane di giugno è dovuto alle nuove ordinanze governative che aprono a cerimonie e ritrovi organizzati nonché alla tracciatura certificata in inglese anche per i turisti stranieri che stanno aumentando le loro presenze nella nostra provincia e possono godere in farmacia di un servizio rapido e professionale. Le farmacie - conclude Elena Vecchioni - si stanno infine attivando per mettere a disposizione della popolazione le proprie sedi come punti vaccinali contro Covid -19».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di tamponi rapidi nelle farmacie veronesi e continuano a crescere anche le prenotazioni gratuite per i vaccini

VeronaSera è in caricamento