Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità Centro storico / Corso Cavour

Dalla Bra alla Ciclovia del Sole per una Verona tutta ciclabile, lavori a San Massimo nel 2022

Il vicesindaco Luca Zanotto: «Un progetto davvero strategico e fondamentale per Verona, che farà diventare la città scaligera punto di collegamento per la Ciclovia»

Da piazza Bra direttamente in bici fino alla Ciclovia del Sole. È questo il risultato che sarà raggiunto con la realizzazione a San Massimo, tra via E. Ferrari e via Cason, dell’ultimo tratto di collegamento. Mancano circa 2 chilometri, il cui avvio dei lavori è previsto per il prossimo anno, e rappresenta il tratto veronese dei due che saranno realizzati, il secondo nel Comune di Sommacampagna, lungo il percorso Verona-Salionze, attraverso il progetto del 1° lotto funzionale della ciclovia. L’opera sarà realizzata dalla Regione che ha già finanziato il progetto.

Cicolovia del Sole – Eurovelo 7

L'itinerario 7 della rete EuroVelo parte da Capo Nord in Norvegia e arriva a Malta, più di 7400 chilometri passando per Finlandia, Svezia, Danimarca, Germania, Repubblica Ceca, Austria e Italia. In Italia Eurovelo 7 sarà lunga circa 3000 chilometri, dal confine a Dobbiaco, nelle Alpi tirolesi, fino al Sud della Sicilia. Intanto, in città è già conclusa la rete ciclabile che, da piazza Bra, porta a San Massimo, percorrendo via Roma (percorso pedonale e ciclabile), stradone Porta Palio (pista ciclabile), Porta Palio (pista ciclabile), viale Col. Galliano (pista ciclabile contigua al marciapiede), pista ciclabile lungo canale Camuzzoni, Corso Milano, via Croce Bianca, pista ciclabile Canale Conagro, via Romagnoli, via Lugagnano; fino ad arrivare alla rotonda di via Enzo Ferrari, punto di partenza della ciclabile prevista fino a via Cason.

Per visionare il tracciato e i collegamenti ciclabili esistenti tra Verona e San Massimo, si è svolto questa mattina, con partenza da piazza Bra, un sopralluogo in bicicletta con i tecnici della Regione e di Veneto Strade. Presenti il vicesindaco Luca Zanotto e assessore all’Ambiente Ilaria Segala insieme al vicepresidente della Regione del Veneto Elisa De Berti, l’ingegnere Eleonora Malengo direzione Mobilità e Trasporti della Regione Veneto, l’ingegnere Gabriella Manginelli di Veneto Strade e il presidente di FIAB Verona Corrado Marastoni.

CICLABILE VERONA De Berti-2

Progetto del 1° lotto funzionale della "Ciclovia del Sole"

Il primo tratto, effettuato nel territorio veronese, porterà alla costruzione di un pista ciclabile, con inizio da via E. Ferrari, in affiancamento alla strada esistente lungo via Cason; la messa in sicurezza dell’attraversamento di una viabilità di grande scorrimento (in uscita dal centro di Verona); la costruzione di una nuova passerella in affiancamento al cavalcavia esistente per il superamento della SS12.

Il secondo tratto, invece, sempre interno al 1° lotto funzionale, si svilupperà nel Comune di Sommacampagna, per il completamento del percorso Verona-Salionze della “Ciclovia del Sole”. Il costo complessivo del 1° lotto funzionale è di poco superiore al milione e mezzo di euro, di cui 350 mila euro di risorse regionali e il rimanente di risorse ministeriali.

«Il sopralluogo tecnico, realizzato in bicicletta – spiega il vicesindaco Zanotto – ci consente la verifica diretta dello stato dei collegamenti ciclabili esistenti tra Verona e San Massimo. L’obbiettivo è quello di continuare ad accrescere la qualità dei servizi offerti, per la realizzazione di una mobilità cittadina sostenibile e alternativa alle auto. Una particolare attenzione è rivolta al tratto di collegamento con la ‘Ciclovia del sole’ che sarà realizzato a San Massimo, tra via E. Ferrari e via Cason. Un progetto davvero strategico e fondamentale per Verona, che farà diventare la città scaligera punto di collegamento per la Ciclovia».

«Nel lotto funzionale, che riguarda i territori dei Comuni di Verona e Sommacampagna – spiega la vicepresidente De Berti – è stato scelto di dare priorità agli interventi che risolvono i punti maggiormente critici per la sicurezza. Nel complessivo si tratta di un’opera articolata su due tratte d’intervento, per un costo complessivo superiore al milione e mezzo di euro, di cui 350 mila euro di risorse regionali e il rimanente di risorse ministeriali».

PIAZZA BRA ZANOTTO SEGALA-2

«Il nuovo tratto – sottolinea l’assessore Segala – si innesterà sull’ampia rete di piste ciclabili esistente. Per questo è stato importante oggi capire lo stato complessivo dei collegamenti e quali interventi migliorativi è possibile fare nell’ottica di una sempre maggiore sicurezza e fruibilità dei tracciati. Un grande circuito ciclabile utile sia al cicloturista in arrivo in città che alla comunità veronese nei quotidiani spostamenti da e per il centro città e i quartieri limitrofi. Il tratto tra via E. Ferrari e via Cason è di competenza regionale, ma gli ulteriori allacciamenti che saranno realizzati lungo il percorso tra Verona e San Massimo saranno a cura del Comune, nell’ottica del miglior gioco di squadra possibile a servizio dei cittadini».

Veneto - Ciclovia del Sole

Nel territorio veneto la Ciclovia interessa due tratti: da Verona a Salionze, di circa 28,5 km, parte dei quali nel suggestivo ambiente delle “Terre del Custoza”, e da Peschiera a Valeggio sul Mincio, circa 13,5 km. Il loro costo totale previsto per entrambi è di oltre 5,8 milioni di euro (il costo dell’intera Ciclovia è superiore ai 38 milioni di euro).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Bra alla Ciclovia del Sole per una Verona tutta ciclabile, lavori a San Massimo nel 2022

VeronaSera è in caricamento