Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Borgo Roma / Via Alessandro Fleming

Beagle alla Aptuit di Verona, le manifestazioni animaliste diventano due

La prima è stata indetta da gruppo di associazioni veronesi per sabato prossimo, alle 11, davanti alla sede dell'aziende di Via Fleming. La seconda sarà domenica 26 settembre ed è stata rilanciata dall'attivista e influencer Enrico Rizzi

Le associazioni animaliste di Verona hanno espresso preoccupazione per l'arrivo nei laboratori dell'azienda Aptuit Evotec di una ventina di cuccioli di cani beagle. Sicure che il destino dei piccoli animali sia quello di essere sottoposti ad esperimenti scientifici, le associazioni hanno annunciato una manifestazione di protesta. Si terrà sabato prossimo, 18 settembre, alle 11, davanti alla sede di Aptuit, in Via Fleming. Alla manifestazione hanno aderito Animalisti Verona, Enpa, la sezione di Verona di Freccia 45, Lav, La Voce dei Conigli, Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Verona e Legnago, Oipa, Tribù Animale, Verde Blu e Wwf.

«Aprite le porte», questo chiederanno le associazioni animaliste veronesi ad Aptuit. Chiederanno all'azienda di agire nella massima trasparenza e collaborazione con le autorità competenti «per chiarire i tanti silenzi e le zone d'ombra che da tanto tempo riguardano gli esperimenti sui poveri animali rinchiusi nei laboratori senza mai vedere la luce del sole ed essere sottoposti ad atroci torture in nome della scienza», ha spiegato Romano Giovannoni, presidente della consulta di Verona per il benessere degli animali.
L'arrivo dei beagle nei laboratori è un fatto che viene condannato con fermezza dal punto di vista etico e morale da tutte le associazioni animaliste veronesi, che con la manifestazione di sabato vogliono accendere i riflettori su un argomento sempre più dibattuto dall’opinione pubblica. Gli animalisti veronese chiederanno che Aptuit apra le porte dei propri laboratori per far conoscere esattamente quanti e quali animali sono sottoposti ad esperimenti, la loro provenienza e la loro sorte.

manifestazione aptuit beagle-2

Ma la manifestazione del 18 settembre non è l'unica ad essere stata organizzata per i beagle arrivati dalla Francia alla Aptuit di Verona. La questione è stata sollevata con l'affissione di un manifesto sul cancello dell'azienda dal gruppo 100% Animalisti. Gruppo che insieme al Fronte Animalista ha aderito alla chiamata dell'influencer animalista Enrico Rizzi, il quale ha dato appuntamento ai suoi follower per una protesta che si terrà domenica 26 settembre, alle 11, sempre davanti ai cancelli di Aptuit.

EVENTO FACEBOOK MANIFESTAZIONE DEL 26 SETTEMBRE

E l'attivismo dei cittadini smuove anche la politica locale. La consigliera delegata alla tutela e al benessere animale Laura Bocchi ha chiesto al settore veterinario dell'Ulss 9 Scaligera relazione e controlli sulle attività dell'azienda farmaceutica veronese. «Attendiamo informazioni, auspicando che l'Europa modifichi la legge che ad oggi permette il triste utilizzo di questi animali, che potrebbero essere sostituiti dai tanti metodi alternativi emergenti su cui vale la pena investire risorse e finanziamenti - ha dichiarato Bocchi - La cosiddetta vivisezione è permessa in Europa, anche su animali come i cani, con tutta una serie di limitazioni. Per quanto riguarda il Comune, abbiamo fortemente veicolato l'indirizzo di non utilizzare animali per la sperimentazione, sia con la modifica del regolamento comunale per la tutela degli animali, sia con borse di studio per trovare metodi alternativi alla sperimentazione animali».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beagle alla Aptuit di Verona, le manifestazioni animaliste diventano due

VeronaSera è in caricamento