Banco Farmaceutico dona mascherine e igienizzanti al Cesaim di Verona

Tali prodotti, pari a un valore di 1.623 euro, servono a proteggere i medici, gli infermieri e il personale sanitario che vi prestano servizio

Immagine generica

Continua il sostegno da parte di Banco Farmaceutico onlus al Cesaim - Centro Salute per gli Immigrati di Verona. Da settembre, la realtà assistenziale ha ricevuto 900 mascherine chirurgiche, 300 mascherine FFP2 e 500 igienizzanti da 100 millilitri. Tali prodotti, pari a un valore di 1.623 euro, servono a proteggere i medici, gli infermieri e il personale sanitario che vi prestano servizio.

L’acquisto e la consegna dei dispositivi di protezione individuale e degli igienizzanti sono avvenuti nell’ambito degli interventi realizzati da Banco Farmaceutico grazie ad un’importante donazione di Banco BPM. 

«Continuiamo ad andare avanti nonostante le grandi difficoltà di questo drammatico anno grazie all’aiuto di tutti coloro che credono nel nostro operato – dichiara Matteo Vanzan delegato della Fondazione Banco Farmaceutico onlus per Verona -. La povertà purtroppo è in aumento e mai come ora possiamo lasciare indietro qualcuno. Con questa donazione aziendale di dispositivi di protezione vogliamo ringraziare e porre l’attenzione sul lavoro straordinario dei moltissimi volontari, medici, infermieri e farmacisti quotidianamente a disposizione delle migliaia di persone bisognose che ogni anno si rivolgono al Cesaim in cerca di aiuto e assistenza sanitaria».

«Il Banco Farmaceutico da sempre si impegna nel servizio alle associazioni che assistono le persone in difficoltà – spiega Michele Lonardoni, responsabile Enti veronesi per la Fondazione -. Con l’epidemia si è manifestato il bisogno di generi particolari come, appunto, le mascherine, ma anche igienizzanti per le mani e altri dispositivi medici già oggetto di recenti contributi. Con questa donazione, la terza nell’arco di pochi mesi, si esprime il sostegno a chi è in prima linea per aiutare i più svantaggiati. Perché in un’ottica comunitaria, interessarci agli altri significa realizzare noi stessi».

La farmacia del Centro Salute per gli Immigrati è gestita dall’Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile di Verona con la collaborazione delle infermiere del Cesaim.

Il Cesaim è un'associazione di volontariato costituitasi nel 1993 a Verona, con lo scopo di garantire l'assistenza sanitaria agli immigrati cosiddetti “irregolari”, cioè privi di copertura da parte del Servizio Sanitario Nazionale e da molti anni è supportato dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus tramite la donazione di farmaci etici cioè con obbligo di ricetta medica provenienti dal sistema delle donazioni aziendali e dal progetto Recupero Farmaci Validi. Al Cesaim vengono donati  anche farmaci da banco come antinfiammatori locali, antipiretici, antitussivi fondamentali soprattutto in questo periodo invernale provenienti  dalla Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco che si svolge ogni anno nella seconda settimana di febbraio grazie al sostegno delle farmacie  veronesi di Federfarma Verona e quelle comunali dell'Agec  nelle quali la popolazione si reca per acquistare un farmaco che poi viene devoluto agli enti assistenziali della provincia di Verona (tra cui il Cesaim) convenzionati con il Banco farmaceutico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento