rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità

La Regione Veneto investe nelle azienda sanitarie: quasi 3 milioni per Verona

Degli oltre 52 milioni di euro stanziati dalla giunta, 1.1250.120 sono destinati all'Ulss 9 Scaligera e 1.615.170 andranno all'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata

La Giunta Regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alla Sanità ed ai Servizi Sociali, Manuela Lanzarin, ha approvato una delibera che apre la via ad una vasta operazione di investimenti per le aziende sanitarie e ospedaliere della Regione, per un valore complessivo di oltre 52 milioni di euro, mirati all’acquisto di dotazioni tecnologiche, servizi e a ristrutturazioni.
Il documento prende atto dei pareri favorevoli alla congruità delle spese espressi, nell’ultima seduta, dalla Crite (Commissione regionale per gli investimenti tecnologici e in edilizia sociosanitaria), valutando ed approvando una serie di progetti presentati dalle aziende Ulss e ospedaliere.

«Lo sforzo contro la pandemia ha assorbito molto dell’impegno della sanità veneta in quest’ultimo anno – sottolinea l’assessore Lanzarin – ma non ha distolto l’attenzione dalle necessità delle nostre strutture per mantenere i livelli qualitativi che conosciamo. All’inizio dell’anno riusciamo, quindi, a varare una serie di investimenti per assicurare i fabbisogni delle nostre aziende sanitarie e quindi dei cittadini. Abbiamo ricorso a risorse con differenti modalità di finanziamento, il risultato è il frutto di un importante gioco di squadra delle direzioni, dei sanitari e delle strutture amministrative con la Regione. Tutti i progetti di investimento sono stati proposti dalle aziende, che hanno saputo valutare le loro esigenze e avanzato proposte accompagnate da valutazioni tecniche pertinenti e coerenti con la programmazione. Nonostante tante difficoltà e il fronte ancora aperto del coronavirus, ancora una volta riusciamo a mettere in campo una considerevole somma per nuovi investimenti. È il segno di una gestione virtuosa e di una grande considerazione verso la salute dei cittadini».

I progetti approvati

  • Ulss 2 Marca Trevigiana: fornitura apparati iperconvergenti per potenziamento sistema informativo (445.000 euro).
  • Ulss 3 Serenissima: studio prefattibilità trasformazione spazi adiacenti a realizzando Gruppo Parto, ospedale di Chioggia (658.000 euro); studio perfettibilità accorpamento laboratori ospedale All’Angelo (4.084.720 euro).
  • Ulss 4 Veneto Orientale: studio prefattibilità UO Neurologia Ospedale San Donà di Piave (880.000 euro); sede Distretto e Dipartimento di Prevenzione San Donà di Piave (2.700.000 euro e 370.000 euro per adeguamenti).
  • Ulss 5 Polesana: riqualificazione Anatomia Patologica di Rovigo e nuove attrezzature (416.020 euro); nuovo angiografo multifunzionale ospedale Rovigo e relativi lavori di adeguamento (1.281.000 euro); ristrutturazione punto sanità Castelmassa (550.000 euro).
  • Ulss 7 Pedemontana: interventi edilizia e impiantistica (1.500.000 euro).
  • Ulss 8 Berica: parcheggio ospedale San Bortolo (1.925.000 euro); riqualificazione Area laboratori ospedale San Bortolo (13.721.639 euro).
  • Ulss 9 Scaligera: attrezzature Oculistica (972.620 euro); acquisto Holter ECG (152.500 euro).
  • Azienda Ospedaliera Universitaria Padova: sistema diagnostico per determinazione della ciclosporina e altre diagnostiche biochimiche (2.322.000 euro); sistema completo di analisi di varianti geniche per la predizione di risposta a farmaci oncologici di nuova generazione (757.800 euro); finanziamento TAC per Clinica Pediatrica (695.400 euro).
  • Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona: adeguamento antisismico e rifacimento tetti padiglioni 12,13,14, ospedale Borgo Trento (1.615.170 euro).
  • IOV: nuovo sistema per terapia adattiva per Radioterapia in sostituzione dell’acceleratore “Primus” (3.888.000 euro); sistema robotico Da Vinci per UO Chirurgia dell’esofago e vie digestive (7.100.000 euro); prefattibilità disconnessione impiantistica di radioterapia all’ospedale Madre Teresa di Calcutta-IOV mediante realizzazione di nuovo polo energetico (1.400.000 euro); adeguamento progettuale per la nuova Radioterapia all’ospedale di Castelfranco (5.374.207,77 euro).
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione Veneto investe nelle azienda sanitarie: quasi 3 milioni per Verona

VeronaSera è in caricamento