Verona al vertice in Italia: in centro arriva la "rivoluzione elettrica" della mobilità

“Electrify Verona” è il nuovo modello che permetterà ai possessori di auto elettrica di avere libero accesso alla Ztl, 36 parcheggi gratuiti dedicati infrastrutture elettriche pubbliche per la ricarica veloce dell’auto e l’installazione in casa di una Wall Box

Si chiama “Electrify Verona” ed è un nuovo paradigma di trasporto pensato per dare impulso alla mobilità elettrica e a zero emissioni in città. Ai possessori di auto elettrica, “Electrify Verona” consente libero accesso alla Ztl, 36 parcheggi gratuiti dedicati in centro storico e aree limitrofe, infrastrutture elettriche pubbliche per la ricarica veloce dell’auto e, per i residenti nel Comune di Verona che acquisteranno un’auto elettrica entro il dicembre 2019, l’installazione gratuita nella propria casa di una Wall Box, cioè dell’apposito strumento per la ricarica domestica.

Martedì mattina, “Electrify Verona” è stata presentata, in sala Arazzi, dal sindaco Federico Sboarina assieme all’assessore all’Ambiente Ilaria Segala, dal presidente di Agsm Michele Croce con il direttore generale Daniela Ambrosi e dall’amministratore delegato di Vokswagen Group Italia Massimo Nordio.

Agsm e Volkswagen svilupperanno insieme, all’interno del territorio comunale, una rete di infrastrutture intelligenti con punti ricarica veloce, a 22Kw, per le auto. Oltre a quelli già esistenti (sede Agsm, Fiera, lungadige San Giorgio, via Pallone) entro l’anno, saranno realizzate le nuove colonnine di ricarica in piazzale del Cimitero, piazza Cittadella, piazzale Stefani, piazza Bra, piazza San Tomaso, piazza Arsenale e via Porta San Zeno.
Il Comune mette a disposizione i 36 stalli dedicati (ex GirAci), presenti sia in centro storico che nelle vie adiacenti.
Per gli acquisti di auto elettriche realizzati da settembre 2018 a dicembre 2019, le Wall Box sono fornite da Volkswagen Italia, indipendentemente dalla marca di auto acquistata.

“Sostenibilità e smart city – ha detto il sindaco Sboarina – sono due pilastri del nostro programma per Verona. Tendere a una città intelligente che diventi sempre più sostenibile e sempre più attenta al rispetto dell’ambiente sono per noi obiettivi primari. Evidentemente, dare la possibilità alle auto elettriche di entrare in Ztl va in questa direzione, perché permette una migliore tutela dell’ambiente e una maggiore attenzione nei confronti di tutti i cittadini. Questo progetto ci pone all’avanguardia a livello nazionale sul tema della mobilità a emissioni zero”.

Per facilitare gli spostamenti a chi dispone di un’auto elettrica, “Electrify Verona” creerà una nuova rete cittadina per la ricarica dei mezzi. “Il piano prevede – ha spiegato il presidente Croce – che entro il 2021 siano realizzati 100 punti di ricarica, il che farà di Verona, se confrontata con le più grandi città italiane, il Comune dotato del maggior numero di punti di ricarica veloci. Entro quest’anno ne realizzeremo 22: non saranno semplici pali di ricarica, ma postazioni intelligenti dotate di wi-fi e videosorveglianza”.

“Oggi termina la parte progettuale – ha detto Nordio – e prende avvio quella realizzativa. I dati ci dicono che la mobilità, nel medio-lungo termine, sarà elettrica e che laddove i progetti sono condivisi tra aziende, amministrazioni e cittadini, il cambiamento di paradigma è più rapido. Noi siamo partner strategico di questo progetto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assessore Segala ha concluso: “La mobilità del futuro è elettrica e grazie a questa iniziativa Verona si pone finalmente a livello delle città del nord Europa”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento