rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Nuove tariffe per i bus turistici, confronto tra le guide, Comune e Amt

Le tariffe saliranno dall'1 settembre solo per i bus che si fermano una giornata. Le guide hanno chiesto di posticipare al prossimo anno. PD: "È una gabella"

Entreranno in vigore tra dieci giorni, l'1 settembre, le nuove tariffe per i bus turistici che si fermano a Verona. Un cambiamento che ha fatto subito scattare le associazioni delle guide turistiche, le quali oggi, 22 agosto, hanno avuto un confronto con l'assessore alla viabilità Luca Zanotto e il presidente di Amt Francesco Barini. Le tariffe saliranno solo per i bus che si fermano una giornata e saranno allineate alla media delle tariffe di altre città turistiche.

Un confronto positivo - ha sottolineato l'assessore Zanotto - che ha consentito di chiarire alcune incomprensioni sulla natura del provvedimento. In particolare, è stata evidenziata la non retroattività delle nuove tariffe, che riguarderanno i soli ticket-bus acquistati dopo l'1 settembre. Prima di allora, infatti, il prezzo di 55 euro resta invariato e valido anche in caso di viaggi già prenotati per i prossimi mesi del 2018 e per tutto il 2019.

Durante il confronto le associazioni delle guide turistiche hanno chiesto posticipare gli aumenti tariffari all'1 gennaio 2019 e di creare di uno sconto per i bus che utilizzano guide turistiche veronesi. "Entrambe le proposte saranno ora vagliate dall'amministrazione - ha spiegato Zanotto - L'offerta turistica veronese deve essere in grado di abbracciare, nella sua complessità, tutti i turisti che vengono nella nostra città, garantendo sempre prestazioni di alta qualità".

Il radicale miglioramento apportato nell'ultimo anno al parcheggio Centro è stato riconosciuto da tutte le guide turistiche presenti - ha aggiunto Barini - Particolarmente apprezzati, il rinnovato servizio bar, l'allargamento dell'orario dell'info point per tutta la stagione estiva, l'abbellimento dell'area con l'installazione delle scenografia areniane e il pannellamento, a copertura degli scavi adiacenti al parcheggio, del percorso pedonale dall'area di sosta al ponte Aleardi. Tante soluzioni, che siamo intenzionati a portare avanti ed accrescere, per aumentare sempre di più la qualità dei servizi offerti a vantaggio di tutto il turismo veronese.

Oltre alle guide turistiche, anche le forze politiche di opposizione a Verona hanno criticato l'aumento delle tariffe. "Questo innalzamento ha tanto il sapore di una gabella", hanno dichiarato i consiglieri comunali del Partito Democratico Elisa La Paglia e Stefano Vallani. "Se aumento deve essere, i proventi devono essere devoluti al miglioramento del sistema dell'accoglienza turistica nel suo complesso", hanno aggiunto i due consiglieri.

Di questo adeguamento tariffario sono sbagliati tutti i presupposti - ha criticato Michele Bertucco di Verona e Sinistra in Comune - Innanzitutto è singolare che le categorie vengano interpellate a decisione presa e non prima come accade in tutto il mondo civile. In secondo luogo è sbagliato trattare il turismo mordi e fuggi come una sorta di turismo di scrocco che fruisce dei servizi senza lasciare nulla in cambio. Ci vuole un progetto credibile e condiviso che assicuri il reinvestimento dei maggiori introiti. In caso contrario si tratta soltanto di un tentativo di far cassa sulle spalle dei visitatori.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove tariffe per i bus turistici, confronto tra le guide, Comune e Amt

VeronaSera è in caricamento