Un'asta di beneficenza per liberare Beatrice dalla "paralisi cerebrale"

Nata con questo problema, la bambina di 9 anni lotta per raggiungere l'autonomia motoria. I trattamenti necessari però sono costosi ed ecco perché a ottobre in Gran Guardia si terrà la raccolta fondi "Un sogno per Beatrice"

La Gran Guardia, il luogo che ospiterà l'asta - Immagine d'archivio

Beatrice ha soli 9 anni ma è nata con una "paralisi cerebrale". E da allora combatte e si impegna, tra cure in Italia e all'estero, per raggiungere l'autonomia motoria. Trattamenti costosi, per i quali è fondamentale la raccolta fondi. Ecco perché sabato 12 e domenica 13 ottobre, si terrà in Gran Guardia l’asta benefica "Un sogno per Beatrice". Due giornate durante le quali verranno messe in vendita le opere realizzate da alcuni artisti, che con generosità hanno aderito all'iniziativa. Ma tutti possono contribuire. Per chi lo desiderasse, infatti, è possibile donare già da ora soprammobili, quadri, oggetti di valore che possano essere messi all'asta. Per farlo, basta contattare il numero 3286238044.
La due giorni è organizzata dal maestro Luciano Pellizzari assieme all’associazione 'Un sorriso solidale' di Malcesine, con il sostegno del Comune di Verona. Tante persone che si sono messe in moto per supportare la famiglia di Beatrice.

L'iniziativa è stata presentata mercoledì mattina a Palazzo Barbieri dall’assessore al Decentramento Marco Padovani. Erano presenti l'organizzatore Luciano Pellizzari, Filippo Cagalli di 'Un sorriso solidale', Alessandro Solarolo della confraternita del Boncuciar e Matteo Galbiati papà di Beatrice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ci auguriamo che anche questa volta la generosità dei veronesi si faccia sentire – ha detto Padovani – e che si riescano a raccogliere più fondi possibili. Tutti hanno la possibilità di fare qualcosa, donando o comprando. E ognuno nel proprio piccolo può contribuire a migliorare la vita di questa bambina».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Temporali in arrivo dopo il gran caldo: stato di attenzione in Veneto fino a martedì

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento