Prof. Lippi dell'Università di Verona: «Associazione tra inquinamento e Covid»

Uno studio del professore dell'ateneo scaligero è stato pubblicato sulla piattaforma MedRxiv. E per approfondire il tema l'Iss crea una task force di cui fa parte anche Arpav

Foto di repertorio

«Association between environmental pollution and prevalence of coronavirus disease 2019 (Covid-19) in Italy». Tradotto: «Associazione tra inquinamento atmosferico e prevalenza di coronavirus in Italia». È questo il titolo di un testo scientifico pubblicato sulla piattaforma MedRxiv e realizzato dal professore dell'università di Verona Giuseppe Lippi, insieme a Fabian Sanchis-Gomar (università di Valencia) ed a Brandon Michael Henry (centro medico di Cincinnati).

Lo studio, come si può capire dal titolo, esplora il legame potenziale tra il numero di contagiati a Covid-19 e l'inquinamento in Italia. La correlazione tra i due elementi rivelerebbe un'associazione altamente significativa. Vivere in una provincia altamente inquinata triplicherebbe il rischio di contrarre il virus e per questo la ricerca si conclude consigliando maggiori misure restrittive in quei territori dove è più alto l'inquinamento atmosferico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno studio, però, non basta. Servono ulteriore prove per dimostrare che l'inquinamento favorisce la diffusione del coronavirus. Vale comunque la pena approfondire e perciò l'Istituto superiore di sanità (Iss) ha dato vita ad una task force specifica, di cui fanno parte anche Enea, Ispra e gli enti del sistema nazionale delle agenzie ambientali. L'iniziativa è denominata Pulvirus ed Arpav fa parte della cabina di regia nazionale. «È un'opportunità storica per dare risposte congiunte e con fondamento scientifico, articolato, ai cittadini sugli effetti dell'inquinamento sul virus - ha commentato l'assessore regionale all'ambiente Gianpaolo Bottacin - Questo sia in termini di diffusione del contagio, sia in termini di effetto sulle popolazioni esposte. Così come è storica l'opportunità di verificare l'effetto del lockdown sulle emissioni e relativo inquinamento. Ciò consentirà di evitare la diffusione di fake news da un lato e di poter fare le scelte più appropriate nel contrasto al virus».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Filobus a Verona. «Ma quale ultimatum? Cantieri prorogati fino a fine anno»

  • Simone Padoan miglior pizzaiolo d’Italia e I Tigli terza miglior pizzeria

  • Ulss 9 Scaligera e Covid-19: origine e zona degli ultimi 39 casi registrati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento