Inquinamento acustico durante il lockdown, a Verona riduzione notevole

Arpav ha pubblicato i primi risultati di un monitoraggio in corso di svolgimento in Veneto. «Nelle vie veronesi più trafficate di Verona riduzione tra i 4 e 5 decibel, mentre è di 3 decibel sulla Tangenziale Sud»

Fonometro per misurare il rumore (Foto di repertorio)

Che effetti ha avuto il lockdown sul rumore? Se lo sono chiesti i tecnici che nei dipartimenti provinciali di Arpav seguono l'inquinamento acustico.
Le restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria, infatti, hanno creato una situazione unica che ha permesso di mettere in luce quanto siano impattanti sul clima acustico delle città e dei centri urbani le abitudini quotidiane legate agli spostamenti per motivi di lavoro, scolastici e personali.

Ogni dipartimento dell'agenzia per l'ambiente del Veneto, a partire dal mese di marzo 2020, ha eseguito misure spot e campagne di monitoraggio per valutare l'effetto dei provvedimenti di lockdown sul clima acustico delle aree urbane ed extra urbane. L'influenza sul rumore delle restrizioni negli spostamenti e nelle attività è stata confrontata con rilevazioni precedenti eseguite negli stessi punti di misura. In altre situazioni, invece, si è preferito monitorare nuovi siti, e proseguire le misure anche nella Fase 2, per poter valutare l'incremento della rumorosità ambientale all'aumentare delle attività dell'uomo.
I punti di controllo sono stati scelti in modo tale che fossero rappresentativi di tre specifiche tipologie di sorgenti: il rumore stradale, il rumore della "movida" ed il rumore ambientale di fondo.

Ulteriori monitoraggi sono in corso e lo saranno per diversi mesi per seguire le variazioni dovute al progressivo ritorno alla normalità e poter così completare il confronto tra le diverse situazioni. Nel frattempo, i primi risultati sono stati pubblicati da Arpav e riguardano anche Verona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra marzo e aprile 2020, sono state effettuate misure diurne in alcune vie della capoluogo scaligera: in centro è stato misurato il livello in due punti, uno in Ztl e uno esterno alla Ztl. E nei quartieri di Borgo Roma, Borgo Milano e Santa Lucia sono state effettuate rilevazioni su strade urbane di solito molto trafficate. Il confronto è stato fatto con misure del 2019 eseguite negli stessi punti. «Nelle vie più trafficate di Verona - scrive Arpav - la riduzione è notevole, tra i 4 e 5 decibel, mentre è di 3 decibel sulla Tangenziale Sud. Nella Ztl, la riduzione del livello sonoro è limitata».

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento